ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Hillary Clinton ancora aspirante presidentessa

Hillary Clinton ancora aspirante presidentessa
Dimensioni di testo Aa Aa

Sarò il campione che vince per la classe media. Con questo slogan Hillary Clinton, 68 anni, punta a diventare la prima presidentessa degli Stati Uniti.

First lady dal 93 al 2001, poi senatrice nello Stato di New York fino al 2009 e subito dopo Segretario di Stato, durante la presidenza Obama, che la batté alle primarie nel 2008.

Mette sul piatto l’esperienza di una vita in politica, le battaglie per i diritti civili
e le capacità strategiche acquisite ricoprendo ruoli di primo piano. First lady dal 93 al 2001, poi senatrice nello Stato di New York fino al 2009 e subito dopo Segretario di Stato, durante la presidenza Obama, che la batté alle primarie nel 2008.

Il risultato la costrinse a rivestire i i panni dell’alleata fedele: ha seguito da vicino la turbolenta transizione aperte dalla primavera araba, considerata da lei un’occasione di rilancio della democrazia nell’area. Ma il suo ruolo nella gestione del prima e dopo Geddafi in Libia resta controverso. Come lo scandalo delle mail inviate dal suo account personale e dunque sottratte al vaglio obbligatorio e alla protezione di informazioni top Secret.

Sul tema glissa in campagna elettorale e dribbla anche le richieste dell’avversario Sanders di pubblicare i discorsi fatti alle corporation di Wall Street che le sono stati pagati centinaia di migliaia di dollari.

Hillary ci riprova. Ha il supporto di establishment e media, ma stenta a scaldare i cuori di chi la considera un donna di apparato pronta al trasformismo necessario a restare sempre a galla. Non promette alcuna “rivoluzione politica”,e questa è la sua forza – dice- promette infatti di ottenere “il possibile”.