EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Da oggi meno caro usare il cellulare in un altro Paese Ue

Da oggi meno caro usare il cellulare in un altro Paese Ue
Diritti d'autore 
Di Salvatore Falco
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Usare il cellulare nei Paesi dell’Unione europea costa 3-4 volte in meno. Da questo sabato scatta il nuovo taglio dei sovrapprezzi del roaming, che

PUBBLICITÀ

Usare il cellulare nei Paesi dell’Unione europea costa 3-4 volte in meno. Da questo sabato scatta il nuovo taglio dei sovrapprezzi del roaming, che sarà completamente abolito nel giugno dell’anno prossimo.

Il traffico verrà contabilizzato all’interno del proprio abbonamento, senza più essere considerato un extra. Chi utilizza il cellulare in un altro Stato membro avrà un aumento massimo di 5 centesimi di euro per minuto di chiamata, 2 per sms inviato e 5 centesimi per megabyte.

La battaglia della Commissione europea contro il roaming, iniziata nel 2007, terminerà a giugno del 2017 quando tutto il traffico sarà effettuato alla propria tariffa, così come a casa.

Unico limite, il divieto di acquistare una sim in un Paese in cui i prezzi sono inferiori per usarla in modo permanente nel proprio Paese di residenza. In caso di abusi, l’operatore telefonico potrà imporre il recupero dei costi.

Da oggi tariffe più basse che mai per il roaming in #UE! #RoamingEU#DigitalSingleMarkethttps://t.co/KYvsUXMgjvpic.twitter.com/vFSSqtYSKt

— UE in Italia (@europainitalia) 30 aprile 2016

Chiamare e navigare in Europa da oggi costerà molto meno. Prossimo step: abolizione del #roaming. pic.twitter.com/3s89DYewe3

— Paolo De Castro (@paolodecastro) 30 aprile 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Berlusconi e l'Europa: un anno dalla scomparsa di un leader che ha spiazzato l'Ue

Gli eletti nella circoscrizione Nord Est: FdI, Pd, FI, Lega, M5S, AvS, Stati Uniti d'Europa

Gli eletti nella circoscrizione Centro: FdI, Pd, FI, Lega, M5S, AvS, Stati Uniti d'Europa