EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Regno Unito, oggi la parola agli elettori

Regno Unito, oggi la parola agli elettori
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

I giochi sono fatti: oggi gli elettori britannici (45 milioni circa) vanno alle urne per un’elezione legislativa dall’esito quanto mai incerto. Nel

PUBBLICITÀ

I giochi sono fatti: oggi gli elettori britannici (45 milioni circa) vanno alle urne per un’elezione legislativa dall’esito quanto mai incerto.

Nel Regno Unito é la Camera dei Comuni l’unico organismo del Parlamento i cui rappresentanti sono eletti dal popolo e l’unico che approva o ritira la fiducia al governo.

Il leader del partito che controlla la maggioranza assoluta alla Camera dei Comuni, 326 sui 650 seggi complessivi, è per prassi colui che assume l’incarico di Primo Ministro.

Il testa a testa tra i conservatori del Premier uscente David Cameron e i laburisti di Ed Miliband è confermato da tutti i sondaggi, con variazioni nell’ordine dell’1%.

Una scelta relativemente chiara è invece quella della stampa britannica che, nel giudicare come è stata condotta la campagna elettorale, si è schierata in massa dalla parte di Cameron, con le sole eccezioni del Guardian e del Daily Mirror, le testate progressiste per antonomasia.

My clear commitments to you and your family. There's only one way to get them – #VoteConservative tomorrow. pic.twitter.com/wZ4rP7UnSX

— David Cameron (@David_Cameron) 6 Maggio 2015

Anche diversi analisti si sbilanciano, e sono pronti a scommettere sul Premier uscente. È il caso di Charlie Wolf, commentatore politico di origini americane, collaboratore del Mail Online, interpellato da euronews:

“La gente non è certo entusiasta nei confronti dei conservatori ora come ora. Ma credo che, quando ciascuno entrerà nella cabina di voto, si chiederà sono veramente pronto per Ed Miliband o ancora ho davvero fiducia che riesca a gestire l’economia?”.

I'm not asking you to vote simply for Labour tomorrow. I'm asking you to vote for yourself and your family → https://t.co/pOvCOwOd5H

— Ed Miliband (@Ed_Miliband) 6 Maggio 2015

Dietro a Tories e Labour, gomito a gomito al 33%, scalpitano gli idipendentisti dello Ukip di Nigel Farage che ha cavalcato una campagna elettorale nella quale l’immigrazione è stato uno dei temi caldi.

Remember #UKIP's pledge to Britain – 5 great reasons to #VoteUKIPpic.twitter.com/SOOTT7zxxw

— UKIP (@UKIP) 6 Maggio 2015

Un ruolo chiave l’avranno certamente i liberaldemocratici di Nick Clegg, già pronti alla delicata fase di trattativa per formare una coalizione, l’ipotesi più che probabile per il dopo voto.

I'm voting for a stronger economy & a fairer society. Tomorrow I'm voting Liberal Democrat. #libdems#GE2015http://t.co/a1uRQW0XWg

— Nick Clegg (@nick_clegg) 6 Maggio 2015

Su un binario a parte procede, con grande fiducia per un risultato positivo, lo Scottish National Party (Snp) guidato da Nicola Sturgeon che in Scozia dovrebbe disarcionare i Labour.

Election day. Bring it on. Tomorow's front page from ScotNational</a> <a href="http://t.co/HPdhp90srP">pic.twitter.com/HPdhp90srP</a></p>&mdash; The National (ScotNational) 6 Maggio 2015

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

GB, elezioni: la sfida tutta a destra di Ramsgate

Regno Unito. Immigrazione, tema cruciale per il voto

Elezioni britanniche: la crescita è tornata ma la ripresa è fragile