EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Tragedia nel Mediterrano: arrivate a Malta le prime vittime del naufragio di sabato

Tragedia nel Mediterrano: arrivate a Malta le prime vittime del naufragio di sabato
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

È arrivata a Malta la nave italiana ‘‘Gregoretti’‘ della guardia costiera per sbarcare le salme dei 24 migranti recuperati nel Canale di Sicilia

PUBBLICITÀ

È arrivata a Malta la nave italiana ‘‘Gregoretti’‘ della guardia costiera per sbarcare le salme dei 24 migranti recuperati nel Canale di Sicilia, dopo il naufragio avvenuto sabato notte davanti alle coste libiche. A bordo del peschereccio secondo alcuni testimoni ci sarebbero state 950 persone. La nave ‘‘Gregoretti’‘ è diretta poi a Catania per sbarcare i 28 superstiti. I morti quest’anno sono molti di più spiega Flavio di Giacomo, portavoce dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni in Italia.

‘‘I motivi sono vari, innanzitutto le imbarcazioni fornite dai trafficanti sono sempre più fatiscenti e vecchie. In secondo luogo è molto più difficile salvare molte persone perché l’anno scorso c’era Mare Nostrum, l’operazione di salvataggio del governo italiano che non c‘è più. La Guardia Costiera sta facendo un lavoro eroico, stanno mettendo a rischio le loro stesse vite, ma arrivato troppo chiamate ed è difficile salvare tutti’‘.

Tra gennaio e aprile dello scorso anno ci sono stati 96 morti, quest’anno sono oltre 1600 denuncia l’Organizzazione internazionale per le migrazioni in Italia.

Si è consumata, intanto, una nuova tragedia del mare. In Grecia, davanti alla costa orientale di Rodi, è affondata un’imbarcazione con circa 200 migranti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Asilo in Europa: parola ai numeri. Chi accoglie di più e chi invece chiude le porte

La tragedia del Mediterraneo vista dagli artisti

Migranti, la Commissione Ue presenta un piano in 10 punti contro scafisti e trafficanti. Ma i rifugiati protestano