EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Trattato globale sulle pandemie: perché i Paesi non riescono a trovare un accordo?

I pendolari affollano la stazione ferroviaria di Cadorna a Milano, lunedì 4 maggio 2020.
I pendolari affollano la stazione ferroviaria di Cadorna a Milano, lunedì 4 maggio 2020. Diritti d'autore Claudio Furlan/LaPresse via AP
Diritti d'autore Claudio Furlan/LaPresse via AP
Di Lauren Chadwick
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I negoziatori hanno cercato di definire i dettagli di un accordo, ma interessi di parte e le elezioni alle porte in molti Paesi potrebbere rallentare ulteriormente i lavori

PUBBLICITÀ

Da oltre due anni sono in corso dialoghi a livello internazionale per trovare un'intesa su un trattato sulle pandemie che in futuro permetta di evitare i problemi affrontati durante la pandemia da Covid. Manca ancora l'intesa su un testo finale, così i Paesi coinvolti nei negoziati si sono dati un altro anno per definire gli ultimi dettagli.

Nelle settimane precedenti alla scadenza di maggio, che non è stata rispettata, i diplomatici che hanno lavorato ai negoziati hanno raccontato a Euronews Health che a volte hanno dovuto discutere per 3-4 ore sul testo di un singolo paragrafo e hanno lavorato fino a notte fonda per rispettare le scadenze di un calendario troppo ambizioso.

Diversi negoziatori si sono detti ottimisti sulla prospettiva di giungere a un accordo, ma hanno anche espresso la preoccupazione di non riuscire a superare alcuni ostacoli legati a differenze geopolitiche secolari, non facili da appianare.

Perché creare un trattato sulle pandemie?

"Il dramma più grande, in un certo senso, che si è sviluppato durante il periodo della pandemia da Covid-19 è stato il completo crollo della solidarietà tra i Paesi - ha detto Ellen 't Hoen, direttrice dell'organizzazione Medicines Law and Policy -. È svanita non appena sono arrivati i vaccini. Il fatto che i vaccini siano stati sviluppati così rapidamente è stato fantastico. È stato il risultato di un massiccio finanziamento pubblico, ma i governi che hanno messo i soldi hanno anche voluto essere i primi della fila. Non c'è stata una condivisione equa del vaccino".

L'obiettivo di un trattato sulle pandemie, sotto l'ombrello dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), è in parte quello di prevenire che questo si ripeta in futuro. Ma i Paesi non sono d'accordo su come raggiungere questo obiettivo: i principali ostacoli sono legati all'accesso alla proprietà intellettuale, alla tecnologia e al know-how, nonché alla condivisione di terapie e vaccini.

"Da un lato tutti concordano sul fatto che l'espansione della capacità produttiva in varie regioni del mondo è molto importante - dice 't Hoen -. Ma il passo successivo è dire che questo significa anche che condivideremo la tecnologia che abbiamo e che vi abbiamo tenuto nascosta finora. Questo passo è il punto critico".

Secondo un diplomatico di un Paese dell'Ue, che ha parlato a condizione di restare anonimo, un trattato cambierà le cose ma non risolverà tutti i problemi di una possibile nuova pandemia. Il diplomatico lo considera piuttosto una base giuridica che incoraggia la cooperazione.

Un medico riempie una siringa con una dose di vaccino anti-Covid in un centro di vaccinazione a Kabul, Afghanistan, 2021.
Un medico riempie una siringa con una dose di vaccino anti-Covid in un centro di vaccinazione a Kabul, Afghanistan, 2021.AP Photo/Rahmat Gul, File

Differenze di fondo

Esperti e diplomatici concordano sul fatto che il cuore dell'accordo è un nuovo strumento chiamato sistema di accesso ai patogeni e condivisione dei benefici (Pabs): l'idea di fondo è che i Paesi condividano le informazioni sulle malattie emergenti in cambio dell'accesso a vaccini e medicinali.

L'accordo prevede che i Paesi "si impegnino a condividere rapidamente le informazioni sugli agenti patogeni, in modo che quando individuano qualcosa, la inseriscano rapidamente in un database per consentire ai Paesi di prepararsi, iniziare a sviluppare tecnologie e prodotti", ha dichiarato Piotr Kolczynski, consulente di Oxfam per le politiche sanitarie dell'Ue.

In cambio i Paesi utilizzeranno il sistema per accedere ai prodotti, ma i diplomatici hanno detto che ci sono ancora differenze su come funzionerà. I Paesi devono ancora concordare una percentuale di vaccini e farmaci sicuri che i produttori dovranno condividere durante un'emergenza sanitaria.

Gli attivisti sostengono che gli Stati ad alto reddito hanno fatto poco per obbligare le aziende produttrici a farlo, mentre alcuni diplomatici di questi Paesi sostengono che gli Stati devono trovare un compromesso e che l'accordo non può cambiare l'ordine mondiale.

Mohga Kamal-Yanni, consulente politico della People Medicine Alliance, ha affermato che i Paesi in via di sviluppo vogliono in generale "un impegno vincolante per la condivisione dei benefici. I Paesi sviluppati e il Nord vogliono un impegno alla sorveglianza e a One Health e alla condivisione immediata delle informazioni sugli agenti patogeni". One Health riconosce la connessione tra la salute delle persone, degli animali e dell'ambiente.

"Il Sud vuole un linguaggio più vincolante sul trasferimento di tecnologia, mentre il Nord vuole che sia sostanzialmente quello che è ora, con le aziende che decidono quali prodotti condividere e quando farlo", ha detto Kamal-Yanni.

"Da 20-30 anni ci sono delle spaccature di fondo sulla sanità globale, che sono peggiorate con la pandemia: si tratta dell'accesso all'innovazione e delle priorità di ricerca", ha detto Jaume Vidal, senior policy advisor per i progetti europei di Health Action International. Nell'attuale bozza del trattato i produttori vengono sollecitati a condividere "volontariamente" le informazioni, ma alcuni esperti vorrebbero un linguaggio più forte.

"La natura del diritto pubblico internazionale globale è che non si sanzionano direttamente i Paesi - ha dichiarato Yuanqiong Hu, consulente legale e politico senior di Medici senza frontiere -. Ma il linguaggio dovrebbe riflettere obblighi perseguibili, in modo che quando si arriva alla fase di attuazione, si abbia un chiaro obbligo di verificare se un governo ha effettivamente agito in tal senso".

PUBBLICITÀ

Un diplomatico di un Paese dell'Ue ha affermato che ogni Paese vuole aggiungere dei caveat in linea con i propri interessi, con molte modifiche per sistemare le diverse parti interessate all'accordo.

Disaccordo sul ruolo delle aziende farmaceutiche

Un funzionario di alto livello dell'amministrazione statunitense ha dichiarato a Euronews Health che il Paese ha un forte interesse a garantire che non si ripeta ciò che è accaduto durante la pandemia da Covid, quando i Paesi a basso e medio reddito hanno assistito per mesi allo sviluppo dei vaccini nei Paesi ad alto reddito prima di potervi accedere.

Il funzionario, che ha parlato dei negoziati a condizione di restare anonimo, ha affermato che, poiché il settore privato opera in modo indipendente dal governo, gli Stati Uniti non possono firmare un accordo per conto delle aziende private e che è fondamentale costruire qualcosa a cui anche l'industria decida di aderire.

La Federazione Internazionale dei Produttori e delle Associazioni Farmaceutiche (Ifpma) ha dichiarato che, dato il loro ruolo nella ricerca, nello sviluppo e nella fornitura di contromisure contro le pandemie, "è fondamentale che l'industria sia presente al tavolo, in modo da poter contribuire in modo costruttivo al dialogo".

PUBBLICITÀ

"L'industria si è impegnata a fare la sua parte nell'affrontare le disuguaglianze nell'accesso ai farmaci in tempo reale", ha dichiarato il direttore generale David Reddy in una nota inviata a Euronews Health.

Un diplomatico di un Paese in via di sviluppo si è lamentato del fatto che alcune posizioni dei Paesi del Nord globale siano allineate con le principali aziende manifatturiere e ha aggiunto che anche i Paesi a basso e medio reddito non stanno cercando di ridisegnare l'intero sistema globale, ma devono concordare una posizione ferma.

La 77esima Assemblea Mondiale della Sanità si è svolta nella sede europea delle Nazioni Unite a Ginevra.
La 77esima Assemblea Mondiale della Sanità si è svolta nella sede europea delle Nazioni Unite a Ginevra.Salvatore Di Nolfi/Keystone via AP

Alcuni sostengono che l'Unione europea, come altri membri del G7, sia troppo vicina alla posizione dell'industria, in particolare sulle questioni relative alla proprietà intellettuale. "La Commissione parla a nome degli Stati membri dell'Ue e il suo allineamento con la posizione dell'industria è davvero sorprendente", ha dichiarato Kolczynski.

A questa opinione hanno fatto eco due diplomatici di Paesi ad alto reddito che hanno parlato con Euronews Health. Poiché è la Commissione a guidare i negoziati, gli Stati membri seguono la guida dell'Ue e agiscono come un unico blocco negoziale: alcuni diplomatici affermano che il blocco è più forte quando i 27 Stati negoziano insieme.

PUBBLICITÀ

Un altro diplomatico di un Paese dell'Ue ha detto che non sempre c'è equilibrio tra le posizioni dei diversi Stati membri e che sarà necessaria una valutazione a posteriori dei negoziati. La Commissione europea non ha voluto commentare aspetti specifici dei negoziati sull'accordo, ma un portavoce ha dichiarato a Euronews Health che "l'Ue rimane pienamente impegnata nella finalizzazione di un accordo sulle pandemie che creerebbe un'architettura sanitaria globale più forte, più resiliente e più equa a livello mondiale".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cinque oggetti comuni da evitare per ridurre l'esposizione ai Pfas

Ozempic e Wegovy sono legati a una patologia che potrebbe causare la cecità

Una dieta sana nei primi anni di vita protegge il cervello in età avanzata