EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Covid, aumentano i casi. Spunta la sottovariante Eris

Sequenziamento delle varianti
Sequenziamento delle varianti Diritti d'autore Frank Augstein/AP Photo
Diritti d'autore Frank Augstein/AP Photo
Di Lauren Chadwick
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Qual è l'ultima "variante" Covid e quanto è seria la minaccia?

PUBBLICITÀ

Anche se la pandemia può sembrare un ricordo lontano, almeno per molti, il Covid continua a diffondersi con nuovi casi in aumento a causa delle nuove varianti del virus.

L'ultima sottovariante di Omicron, chiamata EG.5 è in aumento in Europa dopo essere stata identificata per la prima volta all'inizio dell'anno.

Questo mese l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) l'ha dichiarata "variante di interesse" a causa dell'aumento dei casi a livello globale.

Ecco cosa c'è da sapere al riguardo.

La nuova variante EG.5

EG.5 è una sottovariante di Omicron  ed è strettamente correlata ad altre varianti che sono circolate in tutto il mondo. Si tratta di una versione mutata del virus.

EG.5, inserita dall'Organizzazione mondiale della sanità nella lista dei mutanti sotto monitoraggio (Vum), cresce ancora. La variante, segnalata finora in 45 Paesi, fa registrare una prevalenza dell'11,6% a livello globale.

Secondo l'OMS, tuttavia, il rischio per la salute pubblica resta basso, al momento, essendo simile alle precedenti varianti in circolazione. L'Oms ha tuttavia affermato che potrebbe diventare, presto, dominante in alcuni Paesi o a livello globale, causando un aumento dei casi di Covid.

"È chiaro che ha una sorta di vantaggio rispetto alle altre", ha spiegato Rowland Kao, professore di Epidemiologia veterinaria e Scienza dei dati presso l'Università di Edimburgo.

A Euronews Next ha dichiarato che "non si tratta di nulla di così drammatico", esattamente come quando la variante originale di Omicron ha iniziato a circolare nel 2021.

Alcuni hanno soprannominato un'altra sotto-variante di EG.5, nota come EG.5.1, "Eris".

Tutti i sintomi di EG.5. Una variante più aggrevvisa?

I sintomi di EG.5 sembrano essere simili a quelli di altre varianti, ha dichiarato Andrew Pekosz, professore del Dipartimento di Microbiologia Molecolare e Immunologia della Johns Hopkins University, in un'intervista rilasciata alla scuola di salute pubblica dell'università.

I sintomi comuni includono febbre, tosse, voce rauca, affaticamento, naso che cola, mal di testa o dolori muscolari. Può sembrare un raffreddore, un'influenza o, a volte, una polmonite. 

"Non rileviamo un cambiamento nella gravità di EG.5 rispetto ad altre sotto-varianti di Omicron in circolazione dalla fine del 2021", ha dichiarato, all'inizio di questo mese, Maria Van Kerkove, responsabile tecnico Covid-19 dell'OMS.

Andrew Pollard, professore di Infezioni e Immunità presso l'Università di Oxford, ha dichiarato a Euronews Next che ci sono alcune prove che Omicron e le sue sottovarianti sono meno gravi rispetto ai ceppi precedenti del virus.

Ma, ha detto, questo è "complicato da interpretare perché la popolazione è ora altamente immune al virus e la nostra immunità ci difenderà anche da malattie gravi".

PUBBLICITÀ

Quanto sta circolando?

EG.5 si è inizialmente diffusa in Cina, Giappone e Corea del Sud, mentre ora è in aumento in Nord America e in Europa.

In Francia, EG.5 rappresentava il 26% del sequenziamento il 17 luglio, rispetto al 15% della settimana precedente, il che è "coerente con la situazione globale", ha dichiarato il Public Health France.

Nel Regno Unito, in particolare, EG.5.1 ha registrato il più alto tasso di crescita delle varianti nel Paese e rappresenta il 14% dei casi.

Negli Stati Uniti, EG.5 rappresenta circa il 17% dei casi, più di qualsiasi altra sottovariante di Omicron monitorata, secondo i dati dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

PUBBLICITÀ

"In diversi Paesi in cui la prevalenza di EG.5 è in aumento si è registrato un incremento dei casi e dei ricoveri, anche se al momento non ci sono prove di un aumento della gravità della malattia direttamente associato a EG.5", ha dichiarato l'OMS nella sua valutazione del rischio della variante.

AP Photo/Steve Helber, File
Pfizer, left, and Moderna bivalent COVID-19 vaccines are readied for use at a clinic, 2022AP Photo/Steve Helber, File

Bisogna preoccuparsi di queste nuove mutazioni di Covid?

"Più si va avanti, senza che si verifichi un evento importante, più si può, lentamente tornare ad essere tranquilli, grazie alla combinazione di produzione di vaccini e/o immunità naturale. Ma è troppo presto per essere completamente ottimisti e abbassare del tutto la gurdia", ha detto Kao.

Anche se il Covid-19 diventa come un qualsiasi altra infezione respiratoria stagionale in circolazione, se una variante "porta a un incremento di casi, anche se non in modo catastrofico, il numero di ricoveri ospedalieri, in combinazione con quello che ci si aspetta regolarmente dall'influenza, potrebbe comunque causarci delle difficoltà reali", ha detto.

Attualmente, i vaccini contro il Covid sono in fase di adattamento per le varianti Omicron XBB che sono vicine a EG.5.

PUBBLICITÀ

Pfizer e BioNTech hanno richiestol'approvazione di questi booster all'Agenzia europea per i medicinali nel mese di giugno.

"I vaccini forniscono ancora un'eccellente protezione contro le malattie gravi e la morte causate da tutte le varianti di Covid-19", ha dichiarato Pollard dell'Università di Oxford.

Le dosi di richiamo riducono il rischio di infezione nei soggetti fragili, anziani o con condizioni di salute che potrebbero peggiorare in caso di infezione". È probabile che i vaccini attuali forniscano una certa protezione contro questa variante", ha dichiarato in un'e-mail.

Man mano che i Paesi continuano a sequenziare, continueranno a emergere nuove varianti. Questa settimana gli esperti hanno segnalato un'altra variante che sarebbe emersa in Danimarca e Israele, con ulteriori mutazioni della proteina spike.

PUBBLICITÀ

Van Kerkove dell'Oms ha sottolineato che il Covid-19 si sta evolvendo e circola in tutti i Paesi.

"Questo fenomeno continuerà ed è a questo che dobbiamo prepararci", ha detto, esortando i Paesi a continuare a sequenziare e a condividere pubblicamente i dati.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid: dobbiamo temere una nuova ondata in inverno?

Salute, Hans Kluge: "L'intelligenza artificiale è utile, ma va regolamentata"

Cinque oggetti comuni da evitare per ridurre l'esposizione ai Pfas