EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'ascesa della tecnologia del dolore: l'intelligenza artificiale riporta in vita le persone che ami

HereAfter AI
HereAfter AI Diritti d'autore HereAfter AI
Diritti d'autore HereAfter AI
Di Amber Louise Bryce
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Nel 2016, James Vlahos ha scoperto che suo padre stava morendo di cancro terminale ai polmoni, da lì iniziò tutto...

PUBBLICITÀ

Nel 2016, James Vlahos ha scoperto che suo padre stava morendo di cancro terminale ai polmoni.

Dolorosamente consapevole che il loro tempo insieme stava finendo, Vlahos si precipitò a raccogliere ricordi finché poteva, registrando la storia della vita di suo padre: tutto, dai ricordi d'infanzia ai suoi detti, canzoni e battute preferite.

Una volta trascritte, queste registrazioni riempivano 200 pagine: "Era una grande risorsa - dice Vlahos - ma desideravo qualcosa di interattivo: così ho passato quasi un anno a programmare una replica di chatbot di mio padre, il Dadbot".

Questo "Dadbot" è stato in grado di far rivivere le storie di suo padre tramite messaggi di testo, audio, immagini e video, creando un'esperienza interattiva che emulava le sfumature uniche di un individuo, nella fattispecie del padre di Vlahos.

Sebbene questa versione artificiale non potesse mai sostituire il vero padre, gli ha dato un po' di conforto e un modo per ricordarlo in modo più viscerale, sotto forma di un'IA nell'aldilà.

Ha anche ispirato Vlahos a lanciare HereAfter AI, una società con sede negli Stati Uniti che consente alle persone di caricare i propri ricordi, che vengono poi trasformati in un "avatar della storia di vita" con cui possono essere in comunicazione amici e familiari.

A differenza di un album fotografico polveroso o di un profilo Facebook dormiente, è un metodo per archiviare una parte di noi stessi o di coloro che amiamo, che può effettivamente essere riportata in vita.

HereAfter AI
CEO and Co-founder of HereAfter AI, James Vlahos-HereAfter AI

Immortalità digitale

La perdita è una delle esperienze umane più difficili da affrontare in un'era digitale: frammenti di persone cristallizzati per sempre nelle chat di Whatsapp, nelle immagini di Instagram, nei Tweet finali e nei ricordi di Facebook.

Per alcuni, è confortante poter rivisitare gli archivi online di coloro che hanno perso.

Nel 2021, una scrittrice di nome Sherri Turner è diventata virale dopo aver twittato di aver visto la casa di sua madre su Google Maps Street View, tornando indietro nel tempo al 2009: "C'è una luce accesa nella sua camera da letto: è ancora casa sua, è ancora viva".

Altri hanno sperimentato una tecnologia più avanzata nel tentativo di rianimare il defunto, come lo scrittore freelance Joshua Barbeau, che - come documentato da un articolo del San Francisco Chronicle del 2021 - ha addestrato un chatbot AI su un sito web chiamato Project December per impersonare la sua fidanzata morta, Jessica.

"Condividiamo molto di noi stessi sui social media - aggiunge a Euronews Next - ma spesso sono frammenti molto specifici, non è lo stesso processo".

Invece di utilizzare l'impronta digitale che le persone si lasciano alle spalle - e tutti i dilemmi etici che solleva - il modello di HereAfter AI si basa esclusivamente sul consenso degli utenti, che devono accettare di essere intervistati e possono scegliere con chi condividere il loro "avatar della storia della vita".

"Vogliamo davvero che la nostra app sia accurata e veritiera - dice ancora Vlahos - non possiamo lasciare che l'IA inventi cose che non sono vere per la persona originale, perché in seguito potrebbe essere un'esperienza orribile e ingannevole per i parenti".

HereAfter AI and Canva
People can upload their memories to HereAfter AI through a series of interview questions.HereAfter AI and Canva

La risposta all'app finora è stata positiva, con gli utenti che si sono commossi ascoltando di nuovo le voci dei propri cari e alcuni hanno persino scoperto storie dei loro genitori che non avevano mai sentito prima: "La sua capacità di avvicinare le famiglie o esporre informazioni che non emergono nelle conversazioni quotidiane può essere molto significativa e gratificante per le persone".

PUBBLICITÀ

Il futuro della "tecnologia del dolore"

Preservare i ricordi e tramandare i cimeli è un desiderio umano innato, che va dai manufatti antichi all'architettura, quindi non sorprende che le aziende tecnologiche stiano cercando nuovi modi per far avanzare ed elevare questo processo.

L'anno scorso, una donna di 87 anni ha partecipato al proprio funerale nel Regno Unito grazie a una startup chiamata StoryFile, che - simile a HereAfter AI - registra filmati e audio prima della morte di una persona e poi li rende interattivi attraverso il potere della conversazione AI e un avatar olografico.

In particolare, l'esplosione di ChatGPT, un potente chatbot creato da OpenAI, ha accelerato lo sviluppo di altre "grief tech", inclusa la sua integrazione nella modalità "live forever" del metaverso, un progetto della società Somnium Space che spera di creare un "tu" digitale che può vivere immortalmente all'interno del metaverso.

Nella sua forma attuale, la tecnologia di HereAfter AI è strettamente basata sul recupero di cose che le persone hanno registrato, ma in futuro spera di utilizzare un modello linguistico di grandi dimensioni come ChatGPT per migliorare le sue capacità di conversazione, con l'avvertenza che rimane limitato alle informazioni date.

PUBBLICITÀ

"Non sarebbe in grado di parlare così liberamente di tante cose, ma sarebbe anche limitato nella sua conoscenza, quindi non fornisce casualmente informazioni a chissà chi su Internet".

Inoltre, questa tecnologia non si limita al dolore e alla perdita: potenzialmente, potrebbe essere utilizzata nel presente, puramente per documentare pensieri personali o per comunicare conversazioni e segreti.

È un meccanismo sano per noi?

Sebbene questi avatar di intelligenza artificiale possano certamente essere utili per il processo di lutto, fornendo un balsamo confortante durante un periodo turbolento, c'è anche il rischio che possano tenerci aggrappati al passato, incapaci di andare avanti e crescere.

"Ci sono prove da più studi che la ricerca di prossimità [comportamenti volti a ripristinare una vicinanza con la persona che è morta] è in realtà collegata a peggiori esiti di salute mentale -  ha detto a Euronews Next la dott.ssa Kirsten Smith, ricercatrice clinica presso l'Università di Oxford - i comportamenti di ricerca di prossimità possono impedire a qualcuno di forgiare una nuova identità senza la persona deceduta o impedirgli di stabilire nuove relazioni significative. 

PUBBLICITÀ

Potrebbe anche essere un modo per evitare la realtà che la persona sia morta, un fattore chiave per adattarsi alla perdita".

Canva
Some people could become too attached to the digital versions of deceased loved ones.Canva

Come per ogni cosa nella vita, la moderazione è la chiave e conservare i ricordi, siano essi oggetti fisici o avatar digitali, non è una cosa dannosa in sé e per sé: è la frequenza e l'intensità della nostra relazione con loro che potrebbe potenzialmente causare i problemi.

"Vogliamo tutti sentirci vicini alla persona amata dopo la sua morte, e se questa tecnologia può mostrare la prova che non fa male in studi empirici adeguatamente controllati, allora potrebbe rivelarsi un modo entusiasmante per commemorare e ricordare le persone che amiamo". 

Vlahos si chiede anche se i timori attorno a questo tipo di tecnologia, che impediscono alle persone di andare avanti, siano del tutto giustificati.

PUBBLICITÀ

"Non credo che andare avanti dovrebbe significare dover dimenticare qualcuno o lasciare che i ricordi di quella persona diventino molto sbiaditi e noiosi: quindi, se c'è un mezzo per avere ricordi molto più ricchi, presenti e ad alta fedeltà di qualcuno, penso sia una buona cosa", ha aggiunto.

Ovunque questa tecnologia ci porti, vivi o morti, è forse soprattutto un promemoria per sfruttare al meglio il presente fragile e fugace con i nostri cari, prima di trasformarci in polvere e pixel.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, un tredicenne "batte" per la prima volta nella storia Tetris: lo schermo registra il suo shock

I droni rivoluzioneranno i sistemi di primo soccorso in Europa, effettuata la prima consegna

Apple presenta Vision Pro: gli occhiali per la realtà mista