EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Una giornata con una "cacciatrice di virus"

In collaborazione con The European Commission
Una giornata con una "cacciatrice di virus"
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Julian GOMEZ
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Che cosa implica fare il "cacciatore di virus" in una sorgente termale geotermica in Islanda? Ce lo racconta Elísabet Eik Guthmundsdóttir dell'istituto di ricerca Matís, che è spesso sul campo.

Che cosa implica fare il "cacciatore di virus" in una sorgente termale geotermica in Islanda? Ce lo racconta Elísabet Eik Guthmundsdóttir dell'istituto di ricerca Matís, che è spesso sul campo.

"Non c'è nessun pericolo"

"Sto raccogliendo campioni per il progetto Virus-X, per isolare ed estrarre virus, e dna virale da virus che infettano i batteri che vivono in quest'ambiente termale. Sul versante dei rischi biologici, non c'è nessun pericolo, perché i virus, e i batteri che infettano, non sono attivi negli esseri umani, non verrò contagiata. Ci sono effettivamente dei rischi, perché maneggiamo acqua molto calda e camminiamo in regioni geotermali, che possono essere pericolose. Ma biologicamente non c'è pericolo. Ora sto raccogliendo un po' d'acqua per misurarne il ph".

Temperature fra i 60 e 90gradi

"Abbiamo selezionato questi siti di campionamento per le loro condizioni ambientali, principalmente la temperatura e il ph. Cerchiamo temperature comprese fra i 60 e i 90 gradi e un ph quasi neutro o leggermente alcalino".

La sfida: riuscire a ottenere abbastanza dna

"La sfida principale per il nostro progetto Virus-X e per le regioni geotermali è il conteggio virale. La concentrazione del virus è molto bassa nelle sorgenti calde. Molti dei nostri metodi sono ben consolidati con altri tipi di campioni, in particolare con campioni marini. Ma il conteggio virale in questi ambienti è di circa tre ordini di grandezza inferiore. Quindi la sfida principale di questo lavoro è riuscire a ottenere abbastanza dna da questi campioni da consentire un sequenziamento profondo e quindi un'ulteriore elaborazione per clonare e produrre gli enzimi".

Journalist • Selene Verri

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Mai più errori nei test per il Covid-19 grazie a un nuovo materiale di controllo

Eva: un progetto "figlio" dell'11 settembre