EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Elezioni francesi: un numero record di deputati di estrema destra entra nell'Assemblea nazionale

La leader dell'estrema destra francese Marine Le Pen arriva per posare con i parlamentari appena eletti del Rassemblement national all'Assemblea nazionale, 10 luglio 2024
La leader dell'estrema destra francese Marine Le Pen arriva per posare con i parlamentari appena eletti del Rassemblement national all'Assemblea nazionale, 10 luglio 2024 Diritti d'autore Michel Euler/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Michel Euler/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Sophia Khatsenkova
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Nonostante la sorprendente sconfitta al secondo turno delle elezioni legislative francesi di domenica, il Rassemblement national di Marine Le Pen rimane una forza importante nell'Assemblea nazionale, con un peso politico del tutto inedito per l'estrema destra

PUBBLICITÀ

Decine di deputati di estrema destra appena eletti sono arrivati per la prima volta mercoledì all'Assemblea nazionale di Parigi dopo i risultati delle elezioni legislative francesi del 7 luglio.

Nonostante la sorprendente sconfittadel Rassemblement national per mano della coalizione di sinistra Nuovo fronte popolare (Nfp), seguita dall'alleanza centrista del presidente francese Emmanuel Macron, il partito di estrema destra ha comunque guadagnato un numero significativo di seggi all'Assemblea nazionale, passando dagli 89 deputati del 2022 ai 126 di oggi.

La coalizione di sinistra detiene il maggior numero di seggi, con 182 su 577, ma è ben lontana dalla soglia di 289 seggi necessaria per ottenere la maggioranza assoluta. I centristi di Macron ne hanno 168.

Con questi numeri, il Rassemblement national avrà comunque un ruolo chiave nel mantenere o rovesciare il futuro governo. E una cosa è chiara: bloccheranno qualsiasi primo ministro di sinistra, come ha dichiarato la maggior parte dei deputati ai giornalisti.

"Un pantano" che può essere risolto solo con una nuova dissoluzione

Altri, come il deputato di Rn Philippe Ballard, ritengono che l'unica via d'uscita dall'incombente crisi istituzionale sia una nuova dissoluzione, che potrà avvenire solo tra dodici mesi. "Abbiamo delineato le prospettive politiche, è un salto nell'ignoto, è un pantano, come lo hanno definito Marine Le Pen e Jordan Bardella", ha detto riferendosi ai leader del partito.

"Abbiamo anche discusso del futuro. A parte un altro scioglimento tra un anno, non vediamo altre soluzioni, quindi ricominceremo presto la campagna elettorale", ha detto Ballard a Euronews.

Il 28enne Jordan Bardella, presidente del Rassemblement national ed eurodeputato, ha fatto la sua comparsa davanti a Palais Bourbon e ha invitato i neoeletti a essere "perfettamente irreprensibili" durante il loro mandato, dopo che la campagna elettorale è stata segnata dalla rivelazione di numerosi commenti razzisti e antisemiti fatti dai candidati del partito.

La leader dell'estrema destra Marine Le Pen arriva all'Assemblea nazionale, Parigi, 10 luglio 2024
La leader dell'estrema destra Marine Le Pen arriva all'Assemblea nazionale, Parigi, 10 luglio 2024 Michel Euler/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.

Il campo presidenziale si affanna a stringere alleanze

La battaglia per la carica di primo ministro continua all'interno degli altri blocchi. Il campo presidenziale sta cercando di trovare alleatinel tentativo di bloccare un governo di sinistra, in particolare del partito più grande della coalizione: La France insoumise, guidato dal controverso Jean-Luc Mélenchon.

"Abbiamo avvertito molto chiaramente che se domani l'Nfp dovesse governare e ci fosse anche un solo membro del partito della France insoumise ci sarebbe un voto di sfiducia e il governo cadrebbe... Dobbiamo creare un'alleanza al di là degli attuali blocchi che sono paralizzati", ha dichiarato ai giornalisti Aurore Bergé, ministra delegata per l'uguaglianza di genere sotto Attal.

In una lettera pubblicata mercoledì sulla stampa regionale, Emmanuel Macron ha invitato le "forze politiche che si riconoscono nelle istituzioni repubblicane" a formare un gruppo di maggioranza "solido" all'Assemblea nazionale prima di poter nominare un nuovo primo ministro.

Con questo messaggio il presidente spera di riunire i parlamentari dei partiti di sinistra più moderati, come i socialisti (Ps), e i moderati del partito conservatore di destra dei Repubblicani (Lr). Tuttavia, il neoeletto leader di Lr, Laurent Wauquiez, ha annunciato ai media francesi che il suo partito non intende formare alcuna coalizione con il partito presidenziale.

A sinistra i partiti hanno promesso di trovare un nome per il primo ministro questa settimana e insistono sulla loro capacità di governare la Francia come governo di minoranza. "Il gruppo politico leader nomina il primo ministro. Il gruppo politico leader è il Nuovo fronte popolare", ha dichiarato ai giornalisti a Bruxelles Jean-Luc Mélénchon.

Lunedì Macron ha chiesto al suo primo ministro, Gabriel Attal, di continuare a gestire gli affari quotidiani, a meno di tre settimane dall'inizio delle Olimpiadi di Parigi.

La prima sessione della Camera bassa del Parlamento francese si terrà il 18 luglio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia: quanto fa paura Mélenchon che vuole aumentare la spesa pubblica e le tasse ai super ricchi

Il Nuovo fronte popolare sostiene di poter guidare la Francia come governo di minoranza

Risultati elezioni Francia: quali i possibili scenari senza una maggioranza assoluta