EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Dopo l'Etna erutta anche il vulcano Stromboli. Allerta rossa sul'isola

Eruzione del vulcano Stromboli
Eruzione del vulcano Stromboli Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il vulcano dell'omonima isola sorvegliato speciale dopo l'ultima sequenza di flussi piroclastici nella mattina di venerdì. Prevista nella giornata la riunione del comitato operativo

PUBBLICITÀ

Insieme all'Etna, si è svegliato anche il vulcano Stromboli, sprigionando cenere e lava al largo della costa siciliana. Nella notte di giovedì, il Dipartimento di protezione civile ha comunicato in una nota il passaggio di allerta dal livello arancione al livello rosso e la fase operativa di preallarme.

Lo Stromboli è uno dei vulcani più attivi al mondo, famoso per le sue eruzioni regolari, ma normalmente di lieve entità, che fanno fuoriuscire la lava dalle bocchette all'interno del suo cratere.

"Dalle telecamere di sorveglianza è stato possibile osservare una sequenza di flussi piroclastici alle 10:19; 10:27; 10:30; e 10:33 UTC che, propagandosi lungo la Sciara del fuoco, raggiungono rapidamente il mare", si legge nell'ultimo comunicato diffuso dall'osservatorio etneo dell'istituto nazionale di vulcanologia (Igv), alle 13.21 di venerdì.

Da qualche ora, viene specificato, l'analisi dei dati clinometrici e GNSS non mostra variazioni di rilievo.

"Abbiamo fatto il giro del vulcano in barca. Siamo andati a vedere l'altro lato e abbiamo visto tre punti in cui ci sono state grandi eruzioni", commenta un uomo francese ai microfoni del Tgr.

L'eruzione dell'Etna

Solo un giorno prima, l'Etna, il vulcano più alto e attivo di Europa, a 180 km dall' Stromboli, ha eruttato con un appariscente spettacolo di lava e cenere dall'altezza di 3.300 metri.

"Dall'analisi delle telecamere di sorveglianza si è osservato che l'attività di fontana di lava del Cratere Voragine, segnalata nel precedente comunicato, iniziata alle 16:15 UTC di ieri 4 luglio 2024, si è gradualmente affievolita nel corso della notte per poi cessare intorno alle 01:50 UTC", si legge nel comunicato più recente dell'Igv diffuso la sera di giovedì.

La riapertura dei settori di spazio aereo B2 e B3, chiuse per la copiosa presenza di cenere vulcanica è prevista per le 15. "Le operazioni di volo riprenderanno ad avvenuta rimozione della cenere vulcanica dalle pavimentazioni interessate dalla movimentazione degli aeromobili", si legge nell'aggiornamento del sito dell'aeroporto di venerdì.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lo spettacolo dell'eruzione dell'Etna

Italia: l'Etna in eruzione, la protezione Civile dichiara l'allerta rossa a Stromboli

Polonia, il Parlamento dice no alla depenalizzazione dell'aborto