Elezioni Ue, le prospettive di Popolari e Socialisti: parole simili, incognita alleanze

Un cartellone pubblicizza le elezioni europee davanti alla sede della Commissione europea a Bruxelles
Un cartellone pubblicizza le elezioni europee davanti alla sede della Commissione europea a Bruxelles Diritti d'autore Thierry Charlier/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Con la guerra in Ucraina la difesa comune è tornata in testa all'agenda dei maggiori partiti dell'Unione europea. Vediamo dichiarazioni e strategie del Ppe e del Pse nella puntata di questa settimana del programma di approfondimento politico di Euronews "State of the Union"

PUBBLICITÀ

Difesa, sicurezza, autonomia: sono diventate quasi un mantra nei discorsi dei leader dell'Unione europea (Ue), dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia nel 2022.

Questa settimana la Commissione europea ha finalmente annunciato la prima strategia industriale comune per la difesa (Edis).

Pur ampliando le iniziative esistenti per la produzione congiunta di munizioni e l'acquisto di armi, non sarà creato il fondo da cento miliardi di euro che era stato promesso in precedenza.

Borell, dopo la guerra della Russia la pace non è scontata

Ma l'Edis è un primo passo che non poteva più essere rimandato, ha dichiarato il capo della diplomazia dell'Ue, Josep Borrell.

"Purtroppo la pace non è più scontata. La guerra è ai nostri confini e la guerra di aggressione della Russia ha reso urgente il rafforzamento delle nostre capacità industriali di difesa" ha detto Borrell.

Una delle persone che più probabilmente continuerà a parlare di difesa comune è la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, che l'ha messa in testa alla sua campagna politica in vista delle elezioni europee di giugno. 

Dichiarazioni simili dei candidati di Ppe e Pse, von der Leyen e Schmit

Questa settimana a Bucarest von der Leyen è stata scelta dal congresso del Partito popolare europeo (Ppe) come candidato leader al congresso del partito a Bucarest.

Il principale dei suoi avversari è anche uno dei suoi ministri, l'attuale commissario per l'Occupazione e i diritti sociali, Nicolas Schmit, che è stato nominato come spitzenkandidat dal Partito socialista europeo nel congresso di Roma della scorsa settimana. 

Entrambi i partiti, le maggiori forze nella prossima tornata elettorale europea, hanno puntato nei loro programmi sulla **lotta al cambiamento climatico, sull'inclusione economica e sulla sfida al populismo. **

"Servirà un approccio dal basso per i problemi dei cittadini europei"

Euronews ne ha parlato con Teona Lavrelashvili, analista dell'università KU di Lovanio, in Belgio.

"Non si tratta di dare una soluzione semplice a problemi complessi, ma almeno di ascoltare in modo tale che gli elettori e le elettrici sentano che le loro preoccupazioni vengono prese in considerazione. E queste preoccupazioni stanno crescendo" ha detto Lavrelashvili.

"Queste preoccupazioni sono l'aumento del costo della vita e della migrazione, che sta diventando un problema in quasi tutti gli Stati membri dell'Unione" ha aggiunto l'analista del dipartimento di diritto pubblico della KU. 

"I problemi ci sono, ho dei dubbi invece sulla misura in cui verranno adottata delle strategia di comunicazione concrete per affrontarli", ha concluso Lavrelashvili.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Ppe spiana la strada alla rielezione di von der Leyen, nonostante alcune obiezioni

Elezioni europee: il Pse candida Schmit alla presidenza della Commissione

State of the Union: Decisioni su clima, trasparenza e migrazione