Russia: le fake news dell'intervista di Tucker Carlson a Vladimir Putin

L'intervista di Tucker Carlson a Vladimir Putin
L'intervista di Tucker Carlson a Vladimir Putin Diritti d'autore (Gavriil Grigorov, Sputnik Pool Photo via AP)
Di Maria Michela D'Alessandro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nell'intervista rilasciata dal presidente russo Vladimir Putin a Tucker Carlson, il giornalista statunitense ex Fox News, emergono fake news e false narrazioni per giustificare l'invasione dell'Ucraina

PUBBLICITÀ

Due ore e 7 minuti di intervista, la prima rilasciata da Vladimir Putin a un giornalista occidentale dallo scoppio della guerra in Ucraina. È Tucker Carlson, ex conduttore dell'emittente statunitense Fox News, ad essere riuscito a sedersi di fronte al presidente russo direttamente da Mosca: eppure sono tante le false affermazioni fatte durante gli oltre centoventi minuti di colloquio.

Euronews ne ha analizzate alcune: nella prima mezz'ora Putin sottolinea che l'Ucraina non sia uno Stato legittimo e che sia storicamente una parte della Russia. L'informazione può essere semplicemente smentita dal fatto che l'Ucraina sia uno Stato sovrano

Steve Rosenberg, lo storico corrispondente della BBC da Mosca, smentisce Tucker Carlson sul fatto di essere stato l'unico giornalista occidentale ad aver contattato Putin per un'intervista

Durante l'intervista anche Carlson ha fatto affermazioni non corrette: tra queste, quella che sia stato l'unicogiornalista occidentale ad aver cercato di contattare Putin da quando è iniziata l'invasione dell'Ucraina. Notizia smentita dallo stesso portavoce del Cremlino Dmitry Peskov che ha dichiarato di ricevere numerose richieste.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Macron cancella la sua visita a Kiev: le voci sul presunto attentato al presidente francese

Il commento della prima ministra estone Kallas al mandato d'arresto russo: "Non mi farò intimidire"

Russia, 5 anni di carcere al sociologo Kagarlitsky per un post sgradito