Cosa abbiamo imparato sulle malattie infettive dalle precedenti pandemie?

In collaborazione con The European Commission
Cosa abbiamo imparato sulle malattie infettive dalle precedenti pandemie?
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Aurora Velez
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo Claudia Traidl-Hoffmann dell'Istituto di Medicina Ambientale dell'Università di Augusta, per prevenire la prossima pandemia dobbiamo rispettare il pianeta

Quando arriverà la prossima pandemia? E cosa si può fare per prevenirla? Ne abbiamo parlato con i ricercatori di due istituti in Germania. "Tutti conosciamo l'influenza spagnola dell'inizio del XX secolo. Fu devastante in tutto il mondo - dice Gregor Ebert, responsabile di un laboratorio di biosicurezza di livello 3 al centro Helmholtz di Monaco di Baviera -. Poi per un lungo periodo, circa 60 anni, non c'è stato un virus che abbia causato una pandemia. Ma con l'arrivo della Sars e della Mers nei primi anni 2000 questi tempi sembrano accorciarsi sempre di più".

"Quando abbiamo pensato agli aerosol e ai virus, non abbiamo tenuto conto del fatto che i virus non arrivano da soli - dice Claudia Traidl-Hoffmann, direttrice dell'Istituto di Medicina Ambientale dell'Università di Augusta -. Arrivano con altre particelle, con gli inquinanti, con il calore, con tutto. Aerosol complessi. Ed è su questo che ci stiamo concentrando".

"Il problema è che non rispettiamo la fauna selvatica - continua Traidl-Hoffmann -. Questa pandemia è dovuta in parte al fatto che la salute del pianeta sta peggiorando. Per prevenire la prossima pandemia dovremmo tornare a rispettare i confini, a rispettare la salute del pianeta. In questo modo avremo persone in salute in un pianeta sano".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Giornata mondiale della lotta all'Aids, ancora 1,3 milioni di contagi all'anno

Epidemia di pertosse in Croazia, più di mille casi confermati, manca la copertura vaccinale