EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Cisterne e acque reflue riutilizzate: come i paesi dell'Ue combattono la siccità

Siccità del bacino di Sau a nord di Barcellona, Spagna, 18 aprile 2023
Siccità del bacino di Sau a nord di Barcellona, Spagna, 18 aprile 2023 Diritti d'autore AP Photo/Emilio Morenatti
Diritti d'autore AP Photo/Emilio Morenatti
Di Graham Keeley
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Spagna, Italia e Francia sono tra i paesi più colpiti siccità. Ora stanno utilizzando diversi metodi per alleviare lo stress idrico di residenti e agricoltori

PUBBLICITÀ

In Europa, la siccità, questa estate, ha colpito ancora drammaticamente l'agricoltura con danni economici pesanti. In Spagna sono state diverse le città che hanno subito restrizioni idriche dall'agosto del 2022.

Il paese ha registrato l'inizio d'anno più secco da quando sono iniziate le registrazioni negli anni '60, con la Catalogna e la regione meridionale dell'Andalusia risultate le regioni più colpite.

Come molti altri paesi europei, che lottano contro la mancanza d'acqua, la Spagna ha investito molto per far fronte al problema, con un programma da 12 miliardi di euro per riutilizzare più acqua, costruire impianti di desalinizzazione e migliorare le infrastrutture idriche.

"Abbiamo bisogno di risposte strutturali e di investimenti costanti", ha dichiarato il ministro dell'Ambiente spagnolo, Teresa Ribera, dopo aver annunciato il pacchetto di aiuti la scorsa settimana.

Le numerose ondate di calore che hanno colpito la Spagna e altre parti d'Europa quest'estate hanno aumentato l'evaporazione dell'acqua, mentre il consumo è aumentato. Secondo le ultime statistiche del governo, i bacini idrici in tutta la Spagna sono scesi al 37% dei livelli normali.

Preghiere, bottiglie e camion dell'acqua

A L'Espluga, padre Antonio Rosario ha persino invocato il Signore per chiedere maggiori piogge in una funzione speciale che risale al XVIII secolo. Ma le sue preghiere non sono ancora state esaudite.

I rubinetti della città sono chiusi tra le 22 e le 7 del mattino, rendendo impossibile pulire, lavare i piatti o fare una doccia. Poiché molti spagnoli mangiano tardi, questo influisce anche sul loro stile di vita.

Durante il giorno, i villaggi raccolgono l'acqua in bottiglie o secchi per averne abbastanza per le necessità quotidiane.

Dieci camion d'acqua al giorno, ognuno dei quali trasporta tra i 12.000 e i 29.000 litri (3.170-7.660 galloni), riescono a portare sollievo a una città in cui le falde acquifere si stanno prosciugando.

"Siamo in regime di restrizione dall'agosto dello scorso anno. Il problema è che le falde acquifere sotterranee si stanno prosciugando ora, quindi le persone che si riforniscono dai pozzi saranno presto colpite", ha dichiarato a Euronews, Pep Morató, portavoce del consiglio comunale di L'Espluga de Francoli.

Le autorità catalane hanno dichiarato lo "stato di eccezione" per la carenza d'acqua. Le città e i villaggi sottoposti a restrizioni hanno dovuto ridurre il consumo pro capite a 230 litri al giorno, rispetto ai 250 litri introdotti in quella che le autorità hanno definito situazione di "pre-allerta".

L'acqua per uso quotidiano degli abitanti non è ancora stata limitata, ma le restrizioni significano che l'irrigazione per scopi agricoli sarà in gran parte vietata e l'uso per scopi industriali e ricreativi dovrà diminuire del 25%.

Attualmente, le riserve sono scese al 22%, un valore appena superiore a quello del 2008 (20,5%), quando furono inviate a Barcellona navi che trasportavano acqua per alleviare la crisi.

Constanza Saavedra, del dipartimento per l'azione per il clima del governo catalano, ha dichiarato che Barcellona non dovrà trasportare l'acqua su imbarcazioni come era accaduto durante la siccità del 2008.

"Rispetto alla siccità del 2008, generiamo più acqua desalinizzata, che equivale all'incirca a un serbatoio pieno", ha dichiarato a Euronews.

PUBBLICITÀ

Acque reflue e soluzioni digitali

In Francia, il governo sta progettando di aumentare l'uso delle acque reflue per ridurre il consumo di acqua pubblica.

Il ministro francese dell'Ambiente, Christophe Béchu, ha avvertito che la crisi idrica "non è ancora alle spalle".

In un'intervista al quotidiano Libération pubblicata la scorsa settimana, Béchu ha dichiarato che, nonostante l'aumento delle precipitazioni in alcune parti del Paese durante l'estate, quasi due terzi delle falde acquifere sono rimaste al di sotto delle medie stagionali.

Il 62% delle fonti di acqua sotterranea era al di sotto della media stagionale e il 18% era "molto basso". Secondo il governo, circa 1.022 comuni in tutta la Francia sono stati designati "zone di disastro naturale" per la siccità.

PUBBLICITÀ

I comuni sono per lo più riforniti da camion d'acqua o da acqua in bottiglia perché l'acqua del rubinetto non è sicura da bere o i rubinetti si sono prosciugati.

Le aree più colpite sono state il bacino del Mediterraneo, la Valle del Rodano e la Bretagna.

A marzo il presidente francese, Emmanuel Macron, aveva presentato un piano di risparmio idrico da 180 milioni di euro per ridurre il consumo del 10% entro il 2030 e aumentare il riutilizzo delle acque reflue dall'1% al 10%. Parte del piano consiste nel riparare le perdite che ogni anno sprecano il 20% delle forniture.

In Italia, gli agricoltori stanno ricorrendo a tecniche vecchie e nuove per salvare la produzione di prodotti di base come l'olio d'oliva e il prosecco. L'anno scorso il Paese aveva sofferto la peggiore siccità degli ultimi 70 anni, ma il 2023 ha visto un'altra estate torrida interrotta solo da dannose tempeste di grandine nel nord.

PUBBLICITÀ

Andrea Ronca, che coltiva cereali nell'azienda zootecnica di famiglia a Mantova, nel nord Italia, utilizza le immagini satellitari per individuare i punti in cui la sua terra è più secca.

"Posso regolare l'irrigazione in qualsiasi momento, anche dal mio smartphone, evitando sprechi", ha dichiarato Ronca a Reuters.

Secondo l'Osservatorio Smart Agrifood del Politecnico di Milano e dell'Università di Brescia, la quota di terreni coltivati con strumenti digitali è salita all'8% nel 2022, dal 6% dell'anno precedente, mentre la spesa in tecnologia da parte di agricoltori e governi è salita a 2,1 miliardi di euro da appena 100 milioni di euro nel 2017.

I viticoltori utilizzano sensori per monitorare l'aria e il suolo, per valutare la temperatura e l'evaporazione dalle foglie. Questo aiuta i vigneti a resistere alla siccità.

PUBBLICITÀ

Simone Rech, che produce circa 250.000 bottiglie di spumante Prosecco a Treviso, vicino a Venezia, ha dichiarato che l'acqua piovana e le acque reflue provenienti dal lavaggio della cantina vengono raccolte, purificate e riutilizzate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siccità, non piove e gli invasi sono ai minimi: in Italia è emergenza idrica

Dallo scarico al boccale: a San Francisco la birra prodotta con acque reflue contro la siccità

Il 2023 sarà l'anno più caldo mai registrato: a che velocità si stanno riscaldando i Paesi europei?