EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Sisma, il Belgio si sta mobilitando per aiutare Turchia e Siria

Squadre di soccorritori
Squadre di soccorritori Diritti d'autore AP Photo/Omar Sanadiki
Diritti d'autore AP Photo/Omar Sanadiki
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Donazioni, aiuti umanitari e un ospedale da campo: così il Belgio si sta mobilitando per aiutare le popolazioni colpite

PUBBLICITÀ

Gli aiuti per le popolazioni colpite dal devastante terremoto in Turchia e Siria stanno arrivando da tutto il mondo, compreso il Belgio, dove la società civile si è subito organizzata per fornire vestiti pesanti e beni di prima necessità.

A Saint-Josse-ten-NodeNel, un quartiere di Bruxelles, molti degli residenti sono di origine turca e subito è si messa in moto la macchina della solidarietà.

"Ciò di cui abbiamo più bisogno sono i vestiti, perché in Turchia e in Siria fa molto freddo. Stiamo aiutando i nostri Paesi. Le mie origini sono turche. Sono turca. Non ho famiglia lì, ma non riuscivo a dormire, ho pianto Hanno bisogno di tutto", ha detto a Euronews Elif Karakeya, una volontaria.

Ma gli aiuti arrivano anche attraverso i canali ufficiali. Il Paese ha inviato una delegazione della squadra di intervento B-FAST.

Il team è composto da otto persone, tra medici, logisti e diplomatici. Il gruppo si è subito recato nel sud della Turchia con l'obiettivo di ispezionare il terreno per allestire un ospedale da campo.

L'infrastruttura temporanea sarà in grado di fornire assistenza a circa 100 persone al giorno e consentirà ad altri 20 pazienti di restare in osservazione. Una struttura medica che dovrebbe rimanere in funzione per diverse settimane.

“In totale ci saranno circa 80 persone che lavoreranno in quell'ospedale, medici, infermieri, oltre ad attrezzature tecniche. Si prevede di aiutare le persone in pronto soccorso, triage, sala operatoria, nei reparti materno-infantile e nel reparto di degenza per uomini e donne,", ha raccontato a Euronews Gerlant van Berlaer, uno dei medici presenti.

Il resto della squadra dovrebbe partire dal Belgio una volta che il lavoro di ricognizione sarà stato completato.

Per saperne di più guardare il nostro servizio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia e Siria: i sopravvissuti e le conseguenze del sisma

Terremoto in Turchia e Siria: oltre 39 mila morti

Terremoto in Turchia e Siria: centinaia di migliaia di persone al gelo