EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Scontro Londra-Bruxelles, Ue: "Non rinegozieremo il Protocollo sull'Irlanda del Nord"

Londra-Bruxelles ai ferri corti.
Londra-Bruxelles ai ferri corti. Diritti d'autore AP Photo/Olivier Matthys
Diritti d'autore AP Photo/Olivier Matthys
Di Cristiano TassinariEuronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Boris Johnson presenta alla Camera dei Comuni a Westminster una proposta di legge per rinegoziare unilateralmente l'accordo-Brexit sull'Ulster, ma l'Unione europea dice "No"

PUBBLICITÀ

Una Brexit che non finisce mai.

E' di nuovo scontro tra Londra e Bruxelles: lunedi il premier britannico Boris Johnson hadepositato alla Camera dei Comuni a Westminster la proposta di legge per modificare unilateralmente il Protocollo-Brexit per l'Irlanda del Nord.

La ministra degli Esteri britannica, Liz Truss, ha difeso l'iniziativa di Johnson, definendola una "soluzione ragionevole". 

Il Protocollo, sulla carta, doveva salvaguardare l'Accordo di Pace del Venerdì Santo del 1998, che impedisce di istituire un confine rigido tra la Repubblica d'Irlanda e l'Irlanda del Nord.

L'iniziativa di Londra non l'ha presa bene il vice-presidente della Commissione europea, Maroš Šefčovič: non solo l'Ue "non rinegozierà il Protocollo", ma valuta la possibilità di riprendere la procedura d'infrazione contro il Regno Unito.

"L'idea di rinegoziare il protocollo non è realistica. Non è stata trovata nessuna soluzione alternativa a questo equilibrio delicato e negoziato a lungo.
Rinegoziare non farebbe che prolungare l'incertezza legale per le persone e le imprese nell'Irlanda del Nord.
Quindi l'Unione europea non intende rinegoziare il protocollo".
Maroš Šefčovič
55 anni, slovacco, vice-presidente Commissione europea
Hollie Adams/AP
Un accigliato Maroš Šefčovič.Hollie Adams/AP

La ministra degli Esteri, Liz Truss, ha twittato anche dopo il colloquio con ll premier irlandese Michael Martin, scrivendo: "Siamo aperti ai negoziati, ma non possiamo aspettare ancora per risolvere i problemi".

Da Cork, ribatte cosi il primo ministro irlandese: 
"Noi non accettiamo il racconto del governo britannico o di alcuni ministri, in base al quale l'Unione europea sarebbe priva di flessibilità, e cose del genere. Non è così, assolutamente, l'Unione europea è stata estremamente propositiva, nell'ultimo anno, nel cercare soluzioni ai problemi concreti nell'implementazione del protocollo".

Screenshot
Il primo ministro irlandese Michael Martin.Screenshot

La proposta di legge inglese ha riacceso le polemiche anche a Belfast.
La maggioranza dei parlamentari nord-irlandesi (52 su di 90) - appartenenti ai partiti repubblicani Sinn Fein e Sdlp, oltre all'Alliance Party (formazione progressista non settaria) - ha inviato una lettera al premier britannico Johnson: i parlamentari dell'Irlanda del nord si oppongono con forza all'eventuale rinegoziazione del protocollo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brexit: Johnson vuole modifica unilaterale del Protocollo nordirlandese, come risponde Bruxelles?

Brexit infinita, pronta una nuova legge per superare il protocollo nordirlandese

Brexit, troppi intoppi burocratici: è crollo delle vacanze studio nel Regno Unito