This content is not available in your region

Dall'Eurovisione all'Ucraina fino a Svezia e Finlandia nella Nato

Access to the comments Commenti
Di Stefan Grobe
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  Zsolt Szigetvary/MTVA - Media Service Support and Asset Management Fund

L'invasione russa in Ucraina ha innescato una straordinaria unità occidentale nell'Unione Europea e nella NATO.

Eppure, due paesi non stanno al gioco, mettendo al primo posto i propri piccoli interessi nazionali: Ungheria e Turchia.

I loro leader, Viktor Orban e Recep Tayyip Erdogan, stanno danneggiando gli sforzi dell'Europa per resistere a Vladimir Putin. Orban continua a bloccare l'embargo dell'UE sul petrolio russo, il che non ha sorpreso.

Più sbalorditivo, tuttavia, è stato il blocco delle domande di adesione alla NATO di Svezia e Finlandia da parte di Erdogan, accusandole di essere un rifugio sicuro per gli attivisti curdi.

Così Recep Tayyip Erdogan, presidente turco: "L'allargamento della NATO è significativo per noi purché rispettino le nostre sensibilità. Non è coerente affermare o offrire ogni tipo di sostegno all'organizzazione terroristica PKK e YPG e chiederci poi il sostegno per l'adesione alla NATO di Svezia e Finlandia ."

Non è chiaro se Erdogan rifiuterà compromessi o se le sue minacce potranno essere disinnescate. Questo però avrà certamente un prezzo Al quartier generale della NATO prevale un certo ottimismo.

Dice Jens Stoltenberg, Segretario generale della NATO: "Tutti gli alleati concordano sull'importanza dell'allargamento della NATO. Siamo tutti d'accordo sul fatto che dobbiamo stare uniti e siamo tutti d'accordo sul fatto che questo è un momento storico che dobbiamo cogliere".

La sicurezza comune non è stata l'unica preoccupazione a Bruxelles questa settimana. Anche l'Ucraina ha urgente bisogno di assistenza finanziaria, di cui i responsabili politici europei sono consapevoli.

Dice Ursula von der Leyen, Presidente Commissione Ue: "Stiamo proponendo, per l'Ucraina, di integrare il significativo aiuto a breve termine fornito finora con una nuova assistenza macrofinanziaria eccezionale che arrivi a 9 miliardi di euro nel 2022".

Gli esperti dicono che questa sarà solo una goccia nell'oceano. Pompare denaro di soccorso - e fondi per i militari - a questo ritmo in Ucraina non può essere sostenibile per sempre.

L'economia in Europa sta già vedendo segnali di tensione, poiché gli effetti della guerra, combinati con un inasprimento del credito globale per combattere l'inflazione e un rallentamento economico in Cina potrebbero essere un mix pericoloso.

Jacob Kirkegaard, economista e ricercatore presso il Peterson Institute for International Economics di Washington e al German Marshall Fund, ecco cosa ne pensa.

Euronews: Vorrei andare dritto al punto. In questo momento stiamo assistendo a una forte inflazione in Europa e Nord America accompagnata da una crescita lenta. C'è il rischio di un lungo periodo di stagflazione se la guerra continua?

Jacob Kirkegaard: Sì, penso che sia assolutamente un rischio. Abbiamo un'inflazione in rapido aumento a causa di questa confluenza di prezzi dell'energia in aumento, a causa della guerra, ma anche il prezzo del cibo e di altre materie prime. Abbiamo a che fare con una situazione in cui l'inflazione sta aumentando rapidamente al di fuori della portata della banca centrale. La banca centrale alza i tassi di interesse non farà scendere i prezzi globali del petrolio, migliorerà le catene di approvvigionamento dalla Cina. Ma ovviamente, se lo fanno, questo abbasserà la crescita economica complessiva, ponendo il rischio di una crescita stagnante, con prezzi pur sempre elevati. Purtroppo è lì che siamo oggi.

Euronews: Quello che preoccupa maggiormente le persone è l'aumento dei prezzi al consumo. I governi e le banche centrali dispongono ancora di strumenti adeguati per combatterlo?

Jacob Kirkegaard: Con il tipo di inflazione che abbiamo in Europa è molto difficile per la Banca centrale europea e le altre banche centrali fare qualcosa al riguardo, perché, ancora una volta, tutto è dettato dai prezzi globali delle materie prime e dalle catene di approvvigionamento globali. E questo non è qualcosa che possono davvero affrontare. Ma i governi hanno l'opportunità, ovviamente, di continuare a stimolare la crescita. Possono investire di più nel clima. Possono ovviamente, come stiamo vedendo in molti paesi, investire di più nella difesa. Ma se lo fanno mettono benzina sul fuoco, perché aggiungono ulteriore domanda all'economia, che alla fine potrebbe potenzialmente portare a una maggiore inflazione.

Euronews: Per finire, la ricostruzione dell'Ucraina. Ci sono stime di costi superiori a 600 miliardi di euro e non abbiamo idea di quando la guerra finirà. Chi pagherà questo conto?

Jacob Kirkegaard: Beh, non credo che ci siano dubbi sul fatto che l'UE pagherà una quota molto ampia di quel conto. È anche possibile che le riserve valutarie russe congelate vengano utilizzate a tale scopo come parte di un più ampio accordo di pace. Ma è chiaro che affinché l'UE possa svolgere il suo ruolo guida necessario in questa ricostruzione, dovremo disporre di nuove fonti di finanziamento. E che certamente, secondo me, ma anche la proposta della Commissione Europea significherà un finanziamento europeo comune aggiuntivo o un'emissione obbligazionaria, simile a quella che abbiamo visto durante la pandemia.

Parliamo ora di Kalush Orchestra. Il gruppo ha vinto trionfalmente l'Eurovisione Song Contest lo scorso fine settimana, regalando ai loro connazionali un breve momento di gioia e orgoglio.

Nella città occidentale di Lviv hanno lanciato l'iniziativa #MomsOfUkraine, firmando i nomi delle proprie madri su un grande striscione.

La loro canzone vincitrice all'Eurovisione "Stefanìa" prende il nome dalla madre del loro cantante Ihor Psiuk.

Inizialmente, la canzone era un omaggio a sua madre, ma dall'invasione della Russia è diventato un inno alla madrepatria, con il testo che dice: "Troverò sempre la strada di casa, anche se tutte le strade sono distrutte". L'Ucraina si attende di ospitare il concorso il prossimo anno.