This content is not available in your region

"Abbiamo il diritto di esistere", dice l'ambasciatore ucraino a Euronews

Access to the comments Commenti
Di Efi Koutsokosta
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  Euronews

Mentre l'UE sta ancora cercando di trovare il modo per sbloccare il sesto pacchetto di sanzioni dell'UE contro la Russia, Euronews ha incontrato l'ambasciatore ucraino presso l'UE, il signor Vsevolod Chentsov, e ha discusso di più al riguardo e SUlla candidatura del suo paese a entrare nell'UE.

Efi Koutsokosta, Euronews: C'è un sesto pacchetto di sanzioni dell'UE, compreso un embargo petrolifero. Ma vediamo ancora che l'UE non può adottarli perché ci sono paesi, tra cui Ungheria e Slovacchia, che continuano a resistere. Siete delusi?

Vsevolod Chentsov, ambasciatore ucraino presso l'UE: Sì, lo siamo, perché si tratta della nostra lotta comune. Comune, intendo, Ucraina, Unione Europea e altri partner contro una dittatura, contro un aggressore. E pensiamo che questa solidarietà, che si pronuncia, che si dichiara, debba trasformarsi in azione. Ci aspettiamo che chi decide in Ungheria, in altri paesi, sia umano e capisca cosa sta succedendo in Ucraina. Loro stessi hanno potuto vedere il livello di atrocità intorno a Kiev e in altre città. Per fermare la Russia, penso che gli Stati membri dell'UE dovrebbero essere pronti anche a determinati sacrifici, compresi quelli economici.

Efi Koutsokosta: Parlando delle aspirazioni del suo paese ad entrare nell'UE, sappiamo che avete già consegnato il questionario richiesto dalla Commissione europea, dal Consiglio dell'UE e continuate il processo. Abbiamo sentito però il presidente francese, Emmanuel Macron, che ha parlato più di una comunità politica per i paesi vicini all'UE piuttosto che una piena adesione. Cosa ne pensa?

Vsevolod Chentsov, ambasciatore ucraino presso l'UE: Il signor Macron è un presidente di uno stato membro molto importante dell'UE che presiede il Consiglio e sicuramente quei suggerimenti devono essere studiati con molta attenzione. Quello di cui abbiamo bisogno ora è concedere all'Ucraina lo status di candidato, perché per noi è una questione esistenziale, perché la Federazione Russa ha messo in discussione il diritto del popolo ucraino a esistere, il diritto dello stato ucraino a esistere. Quindi la concessione dello status, al nostro esercito, al nostro popolo, darà una spinta morale e psicologica enorme. È una sorta di riconoscimento dell'Ucraina come paese europeo, in una famiglia di altri stati europei.