This content is not available in your region

Il ricatto russo

Access to the comments Commenti
Di Méabh Mc Mahon
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  Kenzo Tribouillard, Pool Photo via AP

La Commissione europea ha descritto la decisione di Gazprom di interrompere le consegne di gas a due paesi dell'UE come un "ricatto" russo.

Intervenendo mercoledì a Bruxelles, la presidente della Commissione ha affermato che l'Europa è pronta ad aiutare Polonia e Bulgaria inviando loro gas dai paesi vicini per assicurarsi che i consumatori non avvertano il problema.

Così Ursula Von der Leyen, Presidente della Commissione Europea: "Non sorprende che il Cremlino utilizzi combustibili fossili per cercare di ricattarci. Questo è qualcosa per cui la Commissione europea si sta preparando, in stretto coordinamento e solidarietà con gli Stati membri e i partner internazionali".Voon dr Leyen ha aggiunto che pagare il gas in rubli potrebbe essere una violazione delle sanzioni dell'UE alla Russia, che i contratti sono stati stipulati in euro e devono essere pagati in euro. Ciò arriva dopo che un articolo di Bloomberg ha riportato che 12 società europee stavano già pagando Gazprom in rubli: "Se questo non è previsto nei contratti, è una violazione delle nostre sanzioni. il 97% di tutti i contratti prevede esplicitamente che il pagamento debba essere effettuato in euro o dollari.

La Russia ha deciso di tagliare il gas naturale a Polonia e Bulgaria mercoledì. Ora sta minacciando di fare lo stesso con altri paesi-

Per questo esperto di energia, l'obiettivo finale del Cremlino è chiaro.Dice Martin Vladimirov, Direttore, Еnergy and Climate Program, Center for the Study of Democracy:  "L'obiettivo finale non è punire la Bulgaria, la Polonia, che sono piccoli consumatori di gas. Si tratta di cambiare il modo di pensare dei paesi più vulnerabili alla manipolazione del gas russo. E questi sono Germania e Italia, che sono i più dipendenti paesi sul gas e il gas in Europa, e ciò determinerebbe la strategia europea complessiva della Russia".

Per questo eurodeputato bulgaro, il cui paese è stato colpito dal taglio, la Russia sta ora intensificando la sua situazione di stallo con l'Occidente e la colpa è della debole strategia dell'Europa negli ultimi due decenni.

Dice Andrey Kovatchev, eurodeputato bulgaro, PPE: "Siamo così lenti. Ciò significa che questa dipendenza dalla Russia deve cessare. Forse una cosa positiva della decisione della Russia di interrompere le consegne in Polonia e Bulgaria è che ci svegliamo e diciamo di sì, possiamo anche senza la Russia. Possiamo trovare le nostre fonti affidabili senza la Russia e garantire il nostro mix energetico poiché queste fonti di energia sono utilizzate per scopi politici, geopolitici e militari".

Nel frattempo, gli ambasciatori dell'UE si sono incontrati mercoledì a Bruxelles per discutere una sesta serie di sanzioni contro la Russia, incluso un embargo completo su petrolio e gas, da concordare la prossima settimana.