This content is not available in your region

Aiuti al settore della pesca per contrastare gli effetti della guerra

Access to the comments Commenti
Di Aida Sanchez Alonso
euronews_icons_loading
Aiuti al settore della pesca per contrastare gli effetti della guerra
Diritti d'autore  Aida Sánchez, Euronews

La guerra sta colpendo settori che stavano già affrontando circostanze difficili. Uno di questi è l'industria della pesca. Il prezzo del gasolio per le barche era già aumentato negli ultimi mesi, ma è salito alle stelle dall'inizio della guerra. Per i pescatori la situazione è un disastro.

Geert de Groote, proprietario della nave Z98: "Non è solo il gasolio che ci uccide, abbiamo anche bisogno di molti materiali che provengono dalla lavorazione del petrolio. Abbiamo anche bisogno di ferro, i prezzi sono tutti in forte aumento. I prezzi del pesce sono buoni, ma non abbastanza per coprire i nostri costi".

Mentre paesi come la Francia hanno già annunciato un aiuto di emergenza per l'acquisto di carburante, il settore della pesca è in sciopero in luoghi come la Spagna. E nella maggior parte dei paesi non ci sono ancora misure di sostegno.

Aida Sanchez, Euronews: "La situazione sta diventando insostenibile per barche come questa, che lasciano il porto belga di Ostenda per andare a pescare nelle acque britanniche. Solo un anno fa, riempire il serbatoio di questa stessa barca costava la metà di quello che fa ora. Ecco perché più di venti I Paesi europei guidati dalla Spagna hanno chiesto alla Commissione Europea misure straordinarie"

E la Commissione Europea li ha ascoltati. Nonostante le proteste del settore, l'assessore alla Pesca afferma di aver agito tempestivamente.

Consentiranno un aiuto di Stato per compensare gli operatori fino a 35000 euro per i costi di produzione aggiuntivi, come il prezzo del carburante, che saranno attivi nei prossimi giorni... e attiveranno anche un meccanismo di crisi per consentire l'uso di fondi per mitigare l'impatto. Ed ora è il turno degli Stati membri

Virginijus Sinkevičius, Commissario europeo per gli oceani e la pesca: "Gli Stati membri devono anche assicurarsi di utilizzare queste possibilità il prima possibile in modo che i fondi arrivino ai pescatori e alle donne, all'industria di trasformazione il prima possibile".

Il provvedimento sarà attivo tra pochi giorni e sarà retroattivo, a partire dal giorno dell'inizio della guerra, il 24 febbraio.