EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Come controllare i prezzi dell'energia? L'opinione è divisa

Come controllare i prezzi dell'energia? L'opinione è divisa
Diritti d'autore Virginia Mayo/Associated Press
Diritti d'autore Virginia Mayo/Associated Press
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I paesi europei hanno strategie diverse per cercare di calmierare i prezzi dell'energia

PUBBLICITÀ

Sono ancora moltissime le divisioni su come risolvere la crisi energetica in Europa. I ministri dell'Energia si sono incontrati per una riunione d'emergenza a Lussemburgo.

Mentre i paesi concordano tagli fiscali e aiuti di Stato per alleviare le difficoltà delle famiglie questo inverno, i 27 Stati membri non sono d'accordo sulle soluzioni a lungo termine.

Il discorso di acquisti congiunti di gas originariamente proposto dalla Spagna sembra essere stato stato preso in scarsa considerazione.

Claude Turmes, ministro dell'Energia del Lussemburgo:  "Serve un appalto congiunto che richiederà anni e anni, ma non è una cosa facilmente realizzabile. Ci sono molte domande complicate penso che il governo spagnolo vada troppo veloce".

Le principali divergenze riguardano una profonda revisione del mercato dell'energia, sostenuto da Francia e Spagna. Si tratta di un gruppo di nove paesi tra cui Germania, Irlanda e Paesi Bassi sostengono che l'aumento dei prezzi è temporaneo e mettono in guardia contro le riforme dicendo che la logica del mercato è la cosa migliore.

Così Kadri Simson, Commissario Europeo per l'Energia:  "La modifica del modello attuale comporta rischi per la prevedibilità del mercato, la competitività e la nostra transizione verso l'energia pulita, e anche perché l'attuale modello di mercato garantisce l'incontro tra domanda e offerta in ogni momento. Tutto questo è molto importante nella prospettiva della sicurezza dell'approvvigionamento".

Altro obiettivo a lungo termine è ridurre la dipendenza dal gas dell'Europa rafforzando il settore delle energie rinnovabili, ma anche decidere quali fonti sono considerate "verdi" si sta rivelando controverso.

L'energia nucleare, patrocinata dalla Francia, comincia a riscuotere consensi, come energia "pulita", nonostante le preoccupazioni per le scorie nucleari.

Dice Karel Havlíček, vice primo ministro ceco: "Il futuro mix energetico deve essere equilibrato. Ci devono essere fonti stabili come il nucleare, come gas di transizione, e ovviamente le fonti rinnovabili, ma deve essere equilibrato, e diciamo, la via della decarbonizzazione deve essere perfettamente pianificata".

Tenere sotto controllo i prezzi dell'energia a lungo termine, sarà un delicato equilibrio per l'UE, per proteggere i consumatori da una futura crisi energetica.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Alvise Perez, il "Bukele" spagnolo che vuole cavalcare il malcontento nelle elezioni europee

Paesi Bassi, designato il nuovo primo ministro: è Dick Schoof, ex capo dei servizi segreti olandesi

Perché i giovani tedeschi si lasciano sedurre così facilmente dalle idee dell'Afd