"Le cose più importanti? Respirare e muoversi"

In collaborazione con The European Commission
"Le cose più importanti? Respirare e muoversi"
Di Aurora Velez
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'inventore di "Benur", Joseph Mignozzi, ci presenta il suo progetto di un triciclo elettrico che sembra una mountain bike, l'ideale per chi ha una mobilità ridotta e deve fare i conti con una sedia a rotelle. Prime sperimentazioni nelle campagne nei dintorni di Lione, in Francia.

Joseph Mignozzi ama lo sport.
La sua perdita di mobilità per due anni a seguito di un incidente stradale in moto lo ha portato a sviluppare il triciclo elettrico "Benur".

Le persone a mobilità ridotta, ma anche le autorità locali e le aziende private, sono interessate a questa mountain bike combinata con bici elettrica. Per lui è una sfida con se stesso.

"Gli usi di Benur sono molteplici..."

"Gli usi sono molteplici in quanto si tratta di un veicolo inclusivo. Finalmente posso fare molte cose, come trasportare microcarichi nei centri città, portare i bambini a scuola, fare una passeggiata intorno ad un lago o lungo la ViaRhôna con mio figlio, o avere spazio per la spesa o per fare un picnic".

"Il tema della mobilità è essenziale"

"Il tema della mobilità oggi è essenziale. Per me ci sono due cose essenziali nella vita: la prima cosa è semplicemente respirare per vivere. E la seconda è la mobilità. Se non ti muovi, infatti, hai un sacco di problemi! Si tratta di una questione personale, professionale e sociale. Muoversi fa parte della natura umana, quindi Benur è semplicemente lì per assicurarsi che tutti possano muoversi liberamente e in modo indipendente". 

"Ê cambiata la prospettiva sulla disabilità"

"Da tre anni gestisco il progetto, l'energia è quotidiana, la uso semplicemente per incontrare i miei utenti. Quando una persona usa Benur e mi dice: "Joseph, è grande, grande, permette di muovermI" sono felice. Ma quando lo uso io, ciò che è importante è il cambiamento di prospettiva sulla disabilità, perché anche le persone mi guardano in modo diverso. Così tutti i messaggi positivi che ricevo ogni giorno dagli utenti mi fanno progredire in modo del tutto naturale".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Come la banda larga cambia l'economia nella Grecia insulare e rurale