EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il futuro delle comunità energetiche

Il futuro delle comunità energetiche
Diritti d'autore 
Di Isabel Marques da SilvaElena Cavallone
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il programma horizon 2020 permetterà a metà dei cittadini europei di produrre energia propria rinnovabile e di soddisfare il 45% della domanda interna

PUBBLICITÀ

Nel comune rurale belga di Oud-Heverlee la vita sta cambiando per le 12 famiglie, che fanno parte di un progetto pilota per una comunità energetica.

Ingegnere e imprenditrice, Leen Peeters testa nella propria casa alcune soluzioni tecnologiche per produrre, immagazzinare e condividere energia da fonti rinnovabili. In questo modo, può ridurre le emissioni di anidride carbonica della famiglia che contribuiscono al cambiamento climatico.

"Le lavatrici e le lavastoviglie hanno una richiesta molto bassa in termini di potenza e di energia, quindi ci concentriamo su carichi più elevati come le pompe di calore per piscine, le cariche per le automobili elettriche".

Una delle case in cui si produce e immagazzina energia rinnovabile

Le case sono dotate di una gamma di tecnologie che vanno dal sistema solare ibrido alle celle combustibili e pompe di calore con l'obiettivo di ridurre il consumo per il riscaldamento del 25% e il consumo di elettricità del 60%.

Ma oltre all'uso e allo stoccaggio per i giorni più freddi, l'obiettivo è vendere ad altri, vale a dire immettere l'energia nella rete nazionale, come è stato fatto dalle società elettriche autorizzate.

L'avvocato Hilde Derde sta studiando le implicazioni legali.

"Saremo produttori, consegneremo agli altri, quindi dobbiamo capire, come possiamo farlo senza infrangere alcune leggi, come per esempio: devi pagare una certa società per immettere l'energia su una griglia e farla arrivare ad altri".

Questa comunità è uno dei pilastri del consorzio MUSE GRIDS, che ha ricevuto 7,4 milioni di euro dal programma Horizon 2020 dell'Unione europea.

Il progetto è iniziato sei mesi fa e si concluderà nel 2022, con altri test in corso in Italia, Spagna, Israele e India.

Il pacchetto europeo sull'energia pulita adottato nel 2018 fornisce una base giuridica per i diritti delle comunità energetiche e dovrà essere adottato dai 28 Stati membri entro alla metà del 2021.

"Ci aspettiamo che questo concetto venga anche ripreso dagli Stati membri che finora non hanno questa forte tradizione o nessuna tradizione - afferma Jan Steinkohl, Responsabile delle politiche energetiche presso la Commissione europea-. Tra i molti vantaggi che possono offrire c'è un aumento dell'accettazione pubblica di progetti rinnovabili e l'investimento di capitale privato nella transizione energetica".

Le organizzazioni ambientali hanno commissionato uno studio che prevede un futuro brillante per questo concetto. Metà dei 500 milioni di cittadini dell'UE potrebbero produrre la loro energia elettrica rinnovabile entro il 2050, raggiungendo il 45% della domanda interna di energia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, sindaco di Kharkiv: "Dobbiamo chiudere i cieli sopra la città"

Ungheria: l'oppositore di Viktor Orban si unisce al Ppe al Parlamento europeo

Germania, la sicurezza nazionale è "peggiorata" avverte la ministra degli Interni Faeser