EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Se il cuore d'Europa ha i polmoni avvelenati

Se il cuore d'Europa ha i polmoni avvelenati
Diritti d'autore 
Di Elena Cavallone
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Bruxelles è una delle città maggiormente inquinate in Europa. Un paradosso per la città sede delle istituzioni UE, che vogliono migliorare la qualità dell'aria

PUBBLICITÀ

Oltre ad essere la capitale d'Europa, Bruxelles è anche una delle città più inquinate del vecchio continente. Ciò in parte è dovuto all'alto numero di auto diesel nel Paese, ben il 61.8% dei veicoli in circolazione. A denunciare il rischio per la salute rappresentato dalle polveri sottili è un comitato di cittadini, che armati di un'app e un rilevatore, si aggirano per i quartieri di Bruxelles per insegnare alla popolazione a misurare la qualità dell'aria.

Lievin Chemin, della piattaforma cittadina “BRAL”sostuene che alcune fasce della popolazione soffrono maggiormente di malattie respiratorie e causa dell'inquinamento. "Abbiamo notato che tra gli abitanti di Bruxelles che vivono accanto alle strade principali, i bambini tra i 2 e i 5 anni si ammalano di bronchiolite, un' irritazione cronica dei bronchi. I bambini sotto i 6 anni che sono cresciuti in città sviluppano maggiormante l'asma e potrebbero soffrire di una disabilità polmonare".

Ogni anno l'inquinamento causa circa 630 morti premature nella capitale belga. La concentrazione di particelle sottili è quasi il doppio di quella raccomandata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità

"Sono nato a Bruxelles - racconta un padre con in braccio suo figlio- e ho notato che la qualità dell'area sta cambiando, è un problema. I bambini lo sentono, me lo dicono, usano le parole per dire "papà c'è puzza, c'è un cattivo odore, non mi sento bene".

Come altre città antiche, Bruxelles è caratterizzata da vie strette spesso congestionate dal traffico. L'esposizione alle polveri sottili nei quartieri più trafficati è particolarmente alte nelle ore di punta.

Joeri Thijs, esperto in qualità dell'aria per Greenpeace, sottolinea che la città ha un altro grande problema: "Bruxelles è una città di pendolari, ogni giorno molte automobili dalla periferia di Bruxelles e da altre regioni del Belgio si spostano nella capitale. Questo problema deve essere risolto a livello federale e non solo regionale nelle Fiandre e in Vallonia. Le persone devono essere motivate a prendere i mezzi pubblici per raggiungere il loro posto di lavoro. Ma Bruxelles non può farcela da sola "

Ma il paradosso per questa città, sede delle istituzioni europee, è che proprio la Commissione ha avviato una procedura di infrazione contro il Belgio per non aver rispettato gli standard europei sulla qualità dell'aria.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il diesel in Europa non è ancora morto

Roma, Greenpeace protesta contro i moitori diesel

Chi inquina non paga? Le fonti fossili ci costano ancora 15 miliardi l'anno