EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Perché la Repubblica Ceca ha dovuto spegnere gli impianti solari a Pasqua

Il tempo soleggiato ha fatto sì che gli impianti fotovoltaici della Repubblica Ceca producessero un'enorme quantità di energia lunedì
Il tempo soleggiato ha fatto sì che gli impianti fotovoltaici della Repubblica Ceca producessero un'enorme quantità di energia lunedì Diritti d'autore canva
Diritti d'autore canva
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Durante i giorni di Pasqua la Repubblica Ceca si è vista costretta a sospendere la produzione degli impianti solari

PUBBLICITÀ

Una compagnia energetica della Repubblica Ceca è stata costretta a staccare la spina a centinaia di pannelli solari dopo che questi avevano generato più energia di quanta ne potesse gestire la rete. Lunedì, nella nazione europea, il consumo di elettricità è stato infatti piuttosto basso, per via delle vacanze di Pasqua. Ma il tempo soleggiato ha fatto sì che gli impianti solari del Paese producessero un'enorme quantità di energia. 

Così, per proteggere la rete, la compagnia pubblica ČEPS li ha spenti. Secondo Jan Krčmář, direttore esecutivo dell'Associazione solare ceca, la decisione rappresenta la conferma dell'inadeguatezza del sistema di accumulo di energia del Paese: "Quello che diciamo da tempo è stato dimostrato. La Repubblica Ceca non è pronta per il boom delle rinnovabili perché manca completamente la capacità di accumulo", ha dichiarato all'agenzia di stampa ceca Seznam Zprávy.

Perché la Repubblica Ceca ha dovuto chiudere le sue centrali solari?

Un vecchio proverbio dice che il troppo stroppia, anche quando si tratta di cose buone. Quando le strutture di accumulo sono insufficienti, ciò può essere vero anche per l'energia. Durante le giornate di sole, i pannelli fotovoltaici spesso producono più energia di quanta ne possa utilizzare la rete che distribuisce l'elettricità. Se questa energia in eccesso non può essere stoccata in alcun modo, provoca instabilità nella rete stessa, rischiando di danneggiare le apparecchiature. In situazioni estreme, tali fluttuazioni di tensione possono portare a dei blackout.

Per prevenire potenziali danni, lunedì la ČEPS ha perciò spento alcune centrali elettriche, per una capacità totale di circa 400 MW, ovvero un sesto del totale di energia solare installata nel Paese. "La ČEPS ha deciso di attivare il piano di riduzione dopo aver esaurito le misure operative normalmente disponibili per controllare il sistema elettrico", ha dichiarato la portavoce dell'azienda, Hana Klímová.

Di solito, la Repubblica Ceca esporta l'energia in eccesso ai Paesi vicini, ma lunedì non è stato possibile. "Tutti i Paesi, ad eccezione di Danimarca, Portogallo e Slovenia, erano in surplus", ha dichiarato Klímová.

Canva
Secondo uno studio, le miniere dismesse potrebbero essere trasformate in enormi "batterie gravitazionali" per immagazzinare energiaCanva

L'energia solare in eccesso può essere immagazzinata?

Quando i pannelli solari e l'energia eolica sono entrati per la prima volta nel mercato, i detrattori sostenevano che non avrebbero mai potuto produrre abbastanza energia per soddisfare il fabbisogno energetico dell'umanità. Da allora, le energie rinnovabili hanno conosciuto un vero e proprio boom, dimostrando che i critici si sbagliavano.

Nel 2022 l'eolico e il fotovoltaico hanno generato il 12% della produzione globale, un massimo storico. L'anno scorso l'energia solare è stata la fonte di elettricità in più rapida crescita per il diciottesimo anno consecutivo, con un aumento del 24% rispetto al 2021. L'Unione Europa è in testa in questa corsa. Nel 2022, l'eolico e il solare hanno prodotto un quinto dell'elettricità comunitaria, e per la prima volta le fonti di energia pulita hanno prodotto più elettricità rispetto al gas fossile.

Tuttavia, eventi come quello che si è prodotto nella Repubblica Ceca mostrano la necessità di investire in capacità di stoccaggio per questa energia pulita. Esistono molti modi per farlo. Spesso si utilizzano batterie chimiche e "batterie a gravità", che sfruttano l'energia in eccesso prodotta dalle fonti rinnovabili per sollevare un peso. Quando la rete è a corto di energia, il peso viene fatto cadere, alimentando un generatore mentre precipita.

Secondo uno studio condotto all'inizio di quest'anno, la conversione delle miniere sotterranee in batterie di questo tipo potrebbe fornire fino a 70 terawatt di accumulo di energia. Una quantità sufficiente a soddisfare il consumo mondiale giornaliero di elettricità. 

Ma con l'aumento dell'uso delle energie rinnovabili, la necessità di stoccaggio non potrà che aumentare. Gli ingegneri di tutto il mondo stanno proponendo innovazioni e sperimentando modi per affrontare la sfida. L'anno scorso la Svizzera ha costruito un'enorme batteria d'acqua in grado di immagazzinare l'energia contenuta in 400mila batterie di auto elettriche.

La batteria è costituita da due grandi vasche d'acqua situate ad altezze diverse. Si "ricarica" utilizzando l'energia in eccesso per pompare l'acqua da una vasca bassa a una vasca più alta. Quando è necessaria l'elettricità, l'acqua della vasca più alta viene rilasciata e scende verso la vasca più bassa, alimentando una turbina.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Repubblica Ceca, l'inflazione alle stelle spinge i cittadini a fare la spesa all'estero

Repubblica ceca, l'originale iniziativa per mostrare gli effetti alimentari della guerra in Ucraina

Il Kazakhstan punta sul solare e l'eolico per la neutralità carbonica