EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Perché il ghiaccio marino artico sta scomparendo?

Perché il ghiaccio marino artico sta scomparendo?
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Jeremy Wilks
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Artico si sta riscaldando da tre a quattro volte più velocemente della media globale: nel mese di febbraio l'estensione del ghiaccio marino ha raggiunto il secondo livello più basso mai registrato

PUBBLICITÀ

A livello globale il febbraio 2023 è stato il quinto più caldo mai registrato, con temperature superiori di 0,3 gradi rispetto alla media 1991-2020. Se si osserva la mappa delle anomalie di temperatura a livello mondiale, è possibile notare alcune caratteristiche distintive: nel nord del Canada e in alcune parti degli Stati Uniti occidentali le temperature sono state di diversi gradi inferiori alla media il mese scorso.

In Europa ha fatto generalmente più caldo: le temperature di febbraio sono state di 1,2 gradi Celsius sopra la media del mese. In alcune aree sopra la Norvegia e la Russia le temperature sono state di sei o più gradi superiori alla media. Le temperature più calde registrate nell'Artico sono state registrate in un periodo dell'anno in cui il ghiaccio marino dovrebbe essere abbondante. Ma, se si guardano i dati, non è stato così.

Euronews
Il febbraio 2023 è stato il quinto più caldo mai registrato: in Europa le temperature sono state di 1,2 gradi Celsius superiori alla media 1991-2020Euronews

L'estensione del ghiaccio marino ha raggiunto il secondo livello più basso mai registrato nel mese di febbraio, e la sua concentrazione è stata inferiore alla media nella Siberia occidentale e alle Svalbard. Per saperne di più siamo andati all'Istituto Polare norvegese di Tromsø, all'interno del Circolo Polare Artico.

La scomparsa del ghiaccio marino artico

La regione di Tromsø sta cambiando rapidamente. L'Artico si sta riscaldando da tre a quattro volte più velocemente della media globale. Mats Granskog, uno scienziato dei ghiacci, è testimone di questo cambiamento. "Quando mi sono avventurato lì per la prima volta, circa 20 anni fa, c'era molto ghiaccio, spesso e pesante - dice Granskog -. Oggi, in alcuni anni, facciamo fatica a trovare un pezzo di ghiaccio, una banchisa su cui lavorare. Quindi la situazione è cambiata drasticamente negli ultimi decenni".

Ogni anno gli scienziati navigano verso il nord-est della Groenlandia per raccogliere campioni sulla strada per il Polo Nord. Poi li riportano a Tromsø per studiarli. Ogni carota di ghiaccio rappresenta un'istantanea dell'Artico nel momento in cui è stata campionata. "L'estate scorsa avevamo circa un metro e mezzo di ghiaccio marino al Polo Nord - dice Granskog -. È uno strato piuttosto sottile. In genere 20 anni fa avevamo circa tre metri di ghiaccio".

I cambiamenti principali riguardano l'età e lo spessore del ghiaccio.  "Il ghiaccio è sempre più sottile - dice Dimitry Divine, un collega di Granskog -. Non sarà in grado di sopravvivere allo scioglimento estivo. Questo influisce anche sull'età generale del ghiaccio. I ghiacci nell'Artico sono costituiti per lo più da ghiaccio che si è formato nell'ultimo anno. I tipi di ghiaccio più vecchi, prevalenti fino 20 o 30 anni fa nell'Artico centrale, sono quasi scomparsi".

Il riscaldamento dell'Artico è in parte dovuto ai cosiddetti anelli di retroazione: un esempio è che l'acqua del mare aperto è più scura del ghiaccio, quindi si riscalda più velocemente e accelera lo scioglimento. Tuttavia, ci sono ancora molte cose che non conosciamo della regione polare. "Il ghiaccio marino dipende dall'atmosfera e dall'oceano sottostante - dice Granskog -. È un sistema piuttosto complesso da comprendere. Credo che la domanda principale sia: come sarà l'Artico in futuro? È una domanda difficile, perché non capiamo ancora bene come funziona oggi".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

All'isola della Réunion tartaruga verde depone uova per la sesta volta