20 days in Mariupol di Chernov è il primo Oscar ucraino, Zelensky: Mostra verità su terrorismo russo

Cilian Murphy e Mstyslav Chernov alla premiazione degli Oscar 2024
Cilian Murphy e Mstyslav Chernov alla premiazione degli Oscar 2024 Diritti d'autore John Locher/John Locher/Invision/AP
Diritti d'autore John Locher/John Locher/Invision/AP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il documentario del giornalista di Ap ha vinto l'Oscar nella categoria miglior documentario. Non è un momento facile per la resistenza ucraina: le persone sperano che il premio aiuti a riportare l'attenzione sul conflitto. Per Zelensky "mostra la verità sul terrorismo russo"

PUBBLICITÀ

Lunedì l'Ucraina ha vissuto una giornata di emozioni contrastanti, con la vittoria del suo primo Oscar per il miglior documentario, 20 Days in Mariupol di Mstyslav Chernov, e la persistenza degli attacchi russi nelle regioni di Kharkiv e Odessa. Il documentario, un resoconto in prima persona del giornalista dell'Associated Press sulla prima fase dell'invasione russa nel 2022, è stato elogiato a livello nazionale per aver esposto la crudele devastazione della guerra.

Chernov, visibilmente toccato dalla vittoria agli Academy Awards, ha commentato: "Questo è il primo Oscar nella storia dell'Ucraina e ne sono onorato". Tuttavia, ha espresso il desiderio che la situazione non avesse mai richiesto la realizzazione del film, sperando in un presente in cui la Russia non avesse attaccato l'Ucraina.

La reazione degli Ucraini alla vittoria dell'Oscar

Il film ha suscitato reazioni tra la popolazione ucraina, con Marusia, 38 anni, specialista in informatica, che ha affermato che il documentario è un modo per far comprendere al mondo la situazione attuale. "Speriamo davvero che le persone di tutto il mondo tornino ad attivarsi e a capire che stiamo combattendo il male più grande che esista e ci aiutino di più", ha dichiarato.

L'importanza del premio, che si aggiunge a una serie di riconoscimenti già ottenuti dal documentario, tra cui il Pulitzer, è accentuata dal contesto critico in cui si trova l'Ucraina. Le forze di Kiev sono a corto di munizioni, mentre le truppe russe cercano di avanzare nelle regioni occidentali e settentrionali.

Oleksii Kurka, un impiegato, ha sottolineato la speranza che la vittoria dell'Oscar possa influenzare il Congresso degli Stati Uniti a fornire gli aiuti militari necessari all'Ucraina. "Spero che questo premio spinga il Congresso ad adottare finalmente i tanto necessari aiuti militari per l'Ucraina, in modo che possiamo difenderci e reclamare la nostra terra e il nostro popolo".

Zelensky: 20 days in Mariupol mostra verità su terrorismo russo

Gli attacchi con droni notturni hanno causato danni a edifici nella città orientale di Kharkiv, senza provocare vittime. Nella regione di Odessa, è stata distrutta una struttura, con finestre che sono andate in frantumi. Svitlana, una governante di 52 anni, ha sottolineato l'importanza di far conoscere la realtà della guerra: "Il mondo deve sapere quanti stanno morendo, quanti sono rimasti senza casa, senza figli, senza genitori. I nostri figli, i nostri mariti, i nostri fratelli stanno morendo".

La guerra continua a scandire le giornate dell'Ucraina, mentre la speranza è che la visibilità internazionale portata dall'Oscar possa influenzare positivamente la situazione sul terreno. La vittoria di "20 Days in Mariupol" rappresenta un riconoscimento della verità sulla guerra e sul, con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky che ha sottolineato l'importanza di esporre la realtà del "terrorismo russo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Oscar 2024: Oppenheimer è il miglior film, Emma Stone miglior attrice, non ce la fa Garrone

I crimini di guerra della Russia a Mariupol: il rapporto sul cimitero a cielo aperto in Ucraina

Il pluripremiato documentario "20 Days in Mariupol" sull'assedio russo proiettato all'Onu