L'avanguardia georgiana in mostra a Bruxelles

Il poster della mostra "The Avant-Garde in Georgia (1900-1936)" in programma al Bozar di Bruxelles
Il poster della mostra "The Avant-Garde in Georgia (1900-1936)" in programma al Bozar di Bruxelles Diritti d'autore Europalia Georgia - Bozar
Di Isabel Marques da Silva
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'avanguardia artistica georgiana è protagonista di una mostra del festival Europalia, a Bruxelles e in altri luoghi del Belgio fino a gennaio 2024

PUBBLICITÀ

La mostra "L'Avanguardia in Georgia", è uno degli eventi principali del festival Europalia, in scena a Bruxelles e in altri luoghi del Belgio fino a gennaio 2024. 

È incentrata sui primi tre decenni del XX secolo, quando nel Paese caucasico fiorì la scena artistica. In questo periodo è compresa la breve parentesi di indipendenza della Georgia, dal 1918 al 1921, tra la caduta dell'impero russo e l'annessione all'Unione sovietica.

"La nostra arte è molto vicina a quella europea"
Levan Chogoshvili
Artista georgiano

Fra Oriente e occidente

"Per l'avanguardia georgiana è stato molto importante non solo studiare l'arte e creare istituzioni per la ricerca artistica, ma anche usarla come metodo", spiega a Euronews la curatrice, **Irine Jorjadze. "**Questo rende l'avanguardia georgiana eccezionale, grazie alla connessione tra il passato, il futuro e le tradizioni".

La commistione di elementi orientali e occidentali è evidente nell'avanguardia georgiana, con influssi dal dadaismo e il cubismo. L'artista Levan Chogoshvili, autore dell'opera che apre la mostra, parla di "mescolanze" e "incroci".

"Questa mostra è molto bella perché dimostra che la nostra arte è molto vicina a quella europea. Oggi molti giovani artisti georgiani cercano di andare da qualche parte in Occidente, studiare lì e tornare".

Una mostra per affrontare i conflitti

Il programma del festival include concerti, film, esibizioni di danza e spettacoli teatrali in vari luoghi del Belgio. La polifonia è uno dei temi centrali: non solo nell'offerta musicale, ma anche come opportunità per le diverse comunità di esprimere le loro opinioni. Un altro concetto importante è il ricordo, come afferma il direttore artistico di Europalia Dirk Vermaelen.

"Il ricordo significa interrogarsi sul passato e riflettere anche sul futuro. Come ci si rapporta con un certo passato, con il regime sovietico che ha un impatto ancora oggi. Si tratta dei conflitti del passato o ancora in corso oggi in Georgia, come quelli in Ossezia del Sud e Abkhazia e anche naturalmente della guerra ucraina che ha un impatto in Georgia".

Nell'esibizione confluiranno partnership creative tra artisti georgiani e di altre nazionalità, per la realizzazione di opere pensate in maniera specifica per il festival.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Arte, la Grecia ricorda in una mostra la pittrice Hero Kanakakis

Georgia, manifestazione pro-europea nella capitale Tbilisi

Celebrazioni a Tblisi per la decisione dell'Ue di concedere alla Georgia lo status di candidato