EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Easyjet fa causa alla band inglese Easy Life per il nome: quali altri marchi hanno fatto causa per questo?

Murray Matravers degli Easy Life si esibisce al Reading Music Festival, in Inghilterra, sabato 28 agosto 2021\.
Murray Matravers degli Easy Life si esibisce al Reading Music Festival, in Inghilterra, sabato 28 agosto 2021\. Diritti d'autore Scott Garfitt/Copyright 2021 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Scott Garfitt/Copyright 2021 The AP. All rights reserved.
Di Estelle Nilsson-Julien
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La compagnia aerea sta facendo causa a una band indie britannica perché ha la parola "easy" nel proprio nome

PUBBLICITÀ

In un post pubblicato sui loro account social, la band indie britannica Easy Life ha annunciato che Easyjet li sta spingendo in una "costosa battaglia legale", aggiungendo di essere "virtualmente impotente contro una società così grande".

Reagendo con umorismo, la band ha detto di aver trovato la situazione "esilarante", aggiungendo: "per quelli di voi che hanno comprato i biglietti per il concerto e sono finiti su un volo economico per Tenerife, ci scusiamo".

Gli Easy Life si sono riuniti nel 2017 e i loro album Life's a Beach e Another Life (rispettivamente del 2021 e 2022) hanno raggiunto entrambi la seconda posizione nelle classifiche del Regno Unito.

All'inizio di quest'anno, però, la band ha cancellato il tour in Nord America a causa di "difficoltà finanziarie", ribadendo di "non essere in grado di reperire i fondi per portare gli Easy Life in primavera".

In una dichiarazione condivisa con la Bbc, EasyGroup, che possiede Easyjet, ha affermato che altre aziende - tra cui uno dei maggiori rivenditori di cataloghi del Regno Unito, Easylife - hanno pagato per l'uso del proprio marchio e ora possiedono il diritto al nome del marchio easy.

Ma questa non è la prima volta che Easyjet trascina in tribunale per questioni simili.

Già nel 2014, l'uomo d'affari miliardario e fondatore di easyJet, Stelios Haji-Ioannou, aveva annunciato che avrebbe intrapreso un'azione legale contro Netflix per la serie comica Easy, sostenendo che l'uso del nome violava i marchi europei della sua azienda.

Anche Barbie sul banco degli imputati

La canzone 'Barbie Girl' della band danese Aqua è diventata immediatamente famosa dopo il suo lancio nel 1997.

Ma gli avvocati della Mattel, l'azienda che ha creato la bambola di plastica, non se la sono sentita di ballare tutta la notte al ritmo dell'orecchiabile brano.

Dopo sei mesi dall'uscita della canzone, la Mattel portò in tribunale l'etichetta della band, la Mca records, sostenendo di non aver mai concesso l'autorizzazione all'uso del nome Barbie. 

La Mattel accusò inoltre gli Aqua di aver sessualizzato la Barbie con testi come "baciami qui, toccami lì, fai le coccole".

Il caso si è aggravato e ha raggiunto la Corte d'Appello degli Stati Uniti: tuttavia, il giudice Alex Kozinski si pronunciò a favore di Mca, affermando che la canzone era una parodia e quindi protetta dal Primo Emendamento.

La Mattel ha continuato a portare il caso alla Corte Suprema, senza successo.

Ok Go... in tribunale

Il gruppo rock americano Ok Go ha trascorso mesi in un'accesa battaglia legale con il marchio di cereali Post Foods. 

La controversia è iniziata quando Post Foods ha annunciato il lancio di Ok Go! - una nuova linea di cereali "grab-and-go".

PUBBLICITÀ

Ma la band di Los Angeles Ok Go - che aveva già collaborato con Post Foods nel 2011 per un video su YouTube che promuoveva Honey Bunches of Oats - non era affatto entusiasta della notizia: infatti, detiene il marchio del nome sin dal 2008.

La band ha reagito prontamente e i suoi avvocati hanno inviato una lettera a Post Foods, invitandola a riconsiderare il nome per violazione del marchio.

Questo non ha fatto altro che alimentare il fuoco, con Post Foods che ha fatto causa alla band per la controversia: tuttavia, prima che le cose si inasprissero ulteriormente, le due parti hanno raggiunto un accordo extragiudiziale. 

Gli avvocati di entrambe le parti hanno chiesto a un giudice federale del Minnesota di archiviare definitivamente la causa, pagando ciascuno le proprie spese legali.

PUBBLICITÀ

Post Foods ha poi rimosso ogni riferimento alla linea Ok Go! dal proprio sito web.

One Direction fa causa

A volte è la band a fare causa al marchio, non il contrario: nel 2014, gli avvocati del gruppo One Direction hanno minacciato di fare causa a ripnroll.com, un mercato online di preservativi, per i preservativi "One Erection" approvati dalla Fda.

La gamma è stata lanciata all'apice della fama della band, consentendo alle fan di acquistare in blocco 1.000 preservativi al prezzo di 300 dollari.

"Con questi profilattici c'è una sola direzione da prendere, quella verso l'alto! Ottimo rompighiaccio per feste e bar", recitava una descrizione del prodotto.

PUBBLICITÀ

Secondo quanto riferito, gli One Direction erano divertiti dalla linea, ma i loro avvocati non erano altrettanto entusiasti.

Per questo motivo, la minaccia di una causa è stata sufficiente a far sì che il sito web interrompesse la linea, sebbene i preservativi siano attualmente disponibili su altri siti web.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Scioperi, Easyjet alza la voce contro il governo francese

Passaporti heartbeat e concierge olografico: gli esperti prevedono come viaggeremo tra 50 anni

Stati Uniti: archiviato il processo ad Alec Baldwin per vizio procedurale