EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Scioperi, Easyjet alza la voce contro il governo francese

Il numero 1 di Easyjet
Il numero 1 di Easyjet Diritti d'autore PATRICIA DE MELO MOREIRA/AFP
Diritti d'autore PATRICIA DE MELO MOREIRA/AFP
Di Euronews con AFP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'amministratore delegato della compagnia aerea low cost easyJet ha affermato che la Francia deve affrontare gli scioperi prima che i turisti "vadano altrove".

PUBBLICITÀ

L'amministratore delegato della compagnia aerea low cost EasyJet ha affermato che la Francia deve affrontare gli scioperi prima che i turisti "vadano altrove".

“Il movimento sociale ha avuto conseguenze su 10 milioni di viaggiatori, 64.000 persone hanno subito la cancellazione del volo per ogni giorno di sciopero. Questo è inaccettabile", ha detto il numero uno della compagnia aerea britannica Johan Lundgren all'AFP.

Insieme ad altri paesi europei, il settore dei viaggi in Francia è stato colpito da numerosi scioperi, a causa della riforma del sistema pensionistico appena approvata. I lavoratori delle compagnie aeree e il personale del controllo del traffico aereo hanno aderito all'azione sindacale per opporsi all'innalzamento dell'età pensionabile a 64 anni., e ciò ha comportato numerosi ritardi e disagi per i passeggeri.

In alcuni aeroporti, l'autorità dell'aviazione civile francese ha consigliato alle compagnie aeree di cancellare fino al 30% dei voli nei giorni di sciopero.

"Non contestiamo il diritto delle persone a scioperare, ma le conseguenze devono essere proporzionate e i voli sul territorio francese devono essere protetti", afferma Lundgren.

Non contestiamo il diritto delle persone a scioperare, ma le conseguenze devono essere proporzionate e i voli sul territorio francese devono essere protetti.
Johan Lundgren
AD di Easyjet

“Se un paese si fa una cattiva reputazione a causa degli scioperi, ciò influirà sui viaggi. La gente andrà altrove", aggiunge Lundgren.

La Francia nel caos sociale

Dal 2014 al 2019, la Francia è stata una delle destinazioni turistiche più visitate al mondo. Nel 2019 il Paese ha attirato 88,1 milioni di visitatori, secondo GlobalData. C'erano stati scioperi anche in quel periodo, in particolare durante le proteste dei "gilet gialli".

La Spagna ha conquistato il primo posto per i visitatori nel 2021, ma la Francia è sulla buona strada per superarla ancora una volta con 66,6 milioni di visitatori internazionali nel 2022.

Ma il ritorno del turismo di questa estate dipende dalla capacità dell'industria aeronautica di risolvere i problemi che ha dovuto affrontare l'anno scorso.

Per quanto riguarda quest'estate, Lundgren ritiene che il controllo del traffico aereo europeo sia l'anello più debole. Le compagnie aeree ora chiedono all'UE di riformare i regolamenti sullo spazio aereo e creare un "cielo unico europeo".

"Il personale è aumentato nella maggior parte degli aeroporti che hanno sofferto lo scorso anno", aggiunge Lundgren, "quindi mi aspetto che l'estate sia migliore per i clienti."

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Easyjet fa causa alla band inglese Easy Life per il nome: quali altri marchi hanno fatto causa per questo?

Turbolenza volo Londra-Singapore, un morto e decine di feriti: Boeing colpito da fenomeno noto come Cat

La classifica degli aeroporti più puliti al mondo, solo uno è in Europa