EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Le opere d'arte riunite in una App. La nuova frontiera della realtà aumentata

Arts
Arts Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'arte esce dai musei. In tempi di Covid si creano nuovi spazi innovativi 4.0. La Realtà aumentata è un valido strumento per far conoscere a tutti mostre e personali. Basta uno smartphone

PUBBLICITÀ

Con musei e gallerie chiusi in tutto il mondo, l’arte trova nuove forme e nuovi spazi innovativi per esprimersi. Come a Berlino, dove otto artisti hanno creato una mostra con la r****ealtà aumentata, grazie alla collaborazione di una rivista di moda. Un evento fruibile direttamente sullo smartphone. Senza restrizioni. Per Anika Meier, curatrice di mostre, "questa tecnologia che sfrutta i display dei dispositivi mobile è diventata uno strumento utile, un metodo visivo, altamente interattivo. La maggior parte delle persone conosce già le funzioni della realtà aumentata attraverso Instagram. Noi l’abbiamo utilizzata per dare spazio all’arte.

Ruohan Wang ha utilizzato lo smartphone per far conoscere la sua ultima creazione: 'Path Dependence'. L’artista e illustratrice, nata a Pechino ma residente in Germania, si è concentrata sul potenziale dell'interattività: "Ho focalizzato tutto il mio lavoro lì. Ora le persone possono vederlo ovunque. Mentre sono a casa o in ufficio. Penso che sia abbastanza funzionale, soprattutto per questi tempi di lockdown".

Secondo la musicista brasiliana Cibelle Cavalli Bastos la pandemia è stata anche un punto di svolta per l'arte digitale: "Vorrei che questa emergenza globale finisse in fretta, ci spiega, vorrei che non ci fossero più chiusure e restrizioni. Tuttavia anche il mondo dell’arte deve capire che queste nuove realtà di fruizione devono diventare anche un nuovo modello da utilizzare in futuro.”

Smartphone alla mano e un rapido clic l'arte esce dai musei per essere ammirata da tutti in ogni momento della giornata. L’applicazione della realtà aumentata nell’arte e nei Beni culturali trasforma la visita a un museo in un’esperienza multisensoriale. Arricchisce la fruizione delle opere d’arte con informazioni aggiuntive e contenuti interattivi. La realtà Aumentata non è soltanto il futuro ma è già presente in numerosi settori.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il mistero del Van Eyck rubato dalla cattedrale di Gand 80 anni fa

Arte, "La Ferita" di Palazzo Strozzi a Firenze

Art Paris 2024: La ricca scena artistica francese al centro della scena, spiccano i giovani talenti