EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Natalia e Irina, le eredi di Monna Lisa

Natalia e Irina, le eredi di Monna Lisa
Diritti d'autore 
Di Antonietta Catanese
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le discendenti della Gioconda due sorelle fiorentine: Natalia e Irina hanno tra i loro lontani parenti anche Churchill

"Noi le ultime discendenti viventi di Monna Lisa

PUBBLICITÀ

"Io sono Natalia Strozzi. Ed io sono Irina Strozzi: siamo le ultime discendenti viventi della Monna Lisa": si cela nei rami di un albero genealogico la storia delle sorelle Strozzi e del Dna che custodirebbe il sorriso piü misterioso della storia.

Preziosi in questa ricerca gli archivi della contessa Maria Luisa Guicciardini: qui erano conservati gli atti della famiglia di Francesco del Giocondo, sposo della bella Lisa Gherardini e amico di Leonardo. Il nome si era estinto alla fine del Seicento ma il ramo femminile, secondo le sorelle Strozzi, sarebbe sopravvissuto.

La scoperta dello storico

I nostri nonni ci dicevano di questo legame di sangue. Noi non ci siamo mai occupate davvero di questo fino a quando un amico, uno storico, Domenico Savini, ha deciso di fare una ricerca nei nostri archivi.

Abbiamo scoperto dunque che siamo le discendenti della donna piü famosa del mondo.

Tra i parenti anche Churchill

Una famiglia, quella Strozzi, che per la verità sembra incrociare piè di una celebrità nella propria storia: da Machiavelli ,ai Medici loro nemici fino a Churchill che è stato un loro lontano cugino. 

Sulla parentela tra gli Strozz i e la Monna Lisa c'è anche il sigillo dello studioso Rab Hatfield, professore all'università di Firenze. Anche per lui nessun dubbio. Le sorelle Strozzi "sono" le lontane nipoti della bella Monna Lisa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Forse ha un nome la "Gioconda" di Leonardo

"Mini Lisa": una Gioconda infinitesimale

"Tutto del Classic Violin Olympus è unico!": l’intervista a Pavel Vernikov