EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Veto dell'Ungheria, Orbàn sta bluffando?

Veto dell'Ungheria, Orbàn sta bluffando?
Diritti d'autore Johanna Geron, Pool via AP
Diritti d'autore Johanna Geron, Pool via AP
Di Gabor Tanacs
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

#Polonia e #Ungheria hanno posto il #veto sul bilancio Ue e sul #RecoveryFund. E se non fosse solo un bluff?

PUBBLICITÀ

Il veto sul bilancio europeo e il Recovery Fund da parte di Ungheria e Polonia viene percepito come un bluff. Ma per alcuni analisti non è così. A ben vedere le prospettive di crescita di questi due paesi sono di gran lunga migliori di alcuni membri storici dell'Unione europea. Stesso discorso vale anche per il deficit e il debito pubblico.

L'Ungheria ha anche accumulato un'enorme riserva in valuta estera e giorni prima del veto ha emesso con successo 2,5 miliardi di euro di titoli di stato sul mercato internazionale.

"Considerando questi fattori, a mio avviso anche in profonda recessione e con l'incertezza sui fondi UE, il bilancio ungherese è in una posizione stabile, non vedo alcuna vulnerabilità che permetterebbe di ricattare o forzare la volontà del Il governo ungherese, tutto sommato non vedo la possibilità di fare pressioni sull'Ungheria abbastanza da costringerla a firmare un accordo che non vuole firmare" dice Attila Weinhardt, analista di Portfolio.hu.

L'unico segno di nervosismo sui mercati ungheresi è stata una piccola corsa al cambio della valuta ungherese in euro, dollaro e oro, ma si è scoperto che non si trattava di una reazione al veto, ma di un breve rialzo del tasso di cambio del fiorino ungherese.

"È vero che il fiorino è cresciuto rispetto all'euro, potresti comprare un euro per circa 355 fiorini, che è un prezzo molto alto se confrontato con gli anni precedenti, ma per quest'anno è abbastanza buono, quindi molte persone hanno iniziato a comprare dollari o euro. Ciò ha portato a una piccola esplosione, le nostre riserve si sono esaurite ma è durata solo per pochi giorni" dice Dávid Ablonczy, proprietario di Correct Change.

Molti analisti occidentali pensano che Orbàn stia bluffando e che l'Ungheria abbia bisogno dei fondi europei come gli altri stati membri. Ma sembra che il governo ungherese sia preparato alle conseguenze economiche del veto e il popolo ungherese non è affatto preoccupato al momento.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ue, corsa contro il tempo per sbloccare il Recovery fund e pianificare la Brexit

Auto elettriche, litio inquinante e costoso: dal manganese allo zinco, ecco le alternative

Elezioni europee: le sfide per le banche europee