EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Covid-19, Le Maire: "Il coprifuoco costerà alla Francia un miliardo di euro"

Il ministro dell'Economia francese Bruno Le Maire
Il ministro dell'Economia francese Bruno Le Maire Diritti d'autore ERIC PIERMONT/AFP or licensors
Diritti d'autore ERIC PIERMONT/AFP or licensors
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

È la cifra che lo Stato dovrà sborsare in aiuti ai settori della ristorazione, della cultura e dello sport: "Un lockdown totale nelle zone interessate ci sarebbe costato 5 miliardi"

PUBBLICITÀ

Il coprifuoco in vigore dalla mezzanotte di questo venerdì nell'area metropolitana di Parigi e di altre otto città francesi costerà allo stato un miliardo di euro in aiuto ai settori della ristorazione, della cultura e dello sport. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese Bruno Le Maire nel corso di un'intervista ai microfoni di BFM-TV. 

"A titolo comparativo - ha aggiunto il ministro - se noi avessimo deciso per un nuovo vero lockdown nelle zone dove c'è circolazione attiva del virus, il costo sarebbe dell'ordine di 5 miliardi di euro. Se avessimo un lockdown generale, il costo sarebbe, in funzione della reazione del mondo economico, fra i 15 e i 20 miliardi di euro al mese".

"Preferisco di gran lunga - ha detto Le Maire - che si prendano queste misure forti, rapide, circoscritte, immediate e che si sostengano fortemente i settori più coinvolti invece che di ritrovarsi in situazione di dover dichiarare un nuovo lockdown generale che sarebbe insopportabile psicologicamente, socialmente e per le finanze pubbliche".

Il ministro ora intende chiedere a Bruxelles condizioni favorevoli per la restituzione dei prestiti. "Avvierò una trattativa con la Commissione europea per chiedere di posticipare il rimborso dei prestiti dal 2021 al 2022 - ha annunciato - questa misura darebbe alle aziende due anni di tempo prima di iniziare i pagamenti. Sarebbe una boccata d'aria importante. Ma è una trattativa che devo condurre con la Commissione Europea, perché questi prestiti, essendo garantiti dallo Stato, sono considerati aiuti di Stato".

Bar e ristoranti chiusi in Catalogna

La Catalogna è tra le regioni europee più colpite dalla pandemia, con un'incidenza di 280 nuovi casi ogni 100mila abitanti. A partire da questo venerdì bar e ristoranti resteranno chiusi per i prossimi 15 giorni.

L'accesso a cinema e teatri sarà consentito fino al 50% della capienza, percentuale che scende al 30% per i negozi. Tra le misure adottate anche il ritorno al telelavoro ovunque possibile. A distanza anche le lezioni universitarie, mentre le scuole restreranno aperte.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Recovery Fund, una task force "snella" per velocizzare i tempi? Basta che i soldi siano ben spesi

"La festa è finita": le foto del primo weekend di coprifuoco in Francia

Bar chiusi? A Berlino e Tolosa li riapre il giudice