EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Dieselgate: Volkswagen deve risarcire i clienti truffati (meno del previsto)

Dieselgate: Volkswagen deve risarcire i clienti truffati (meno del previsto)
Diritti d'autore Jens Meyer/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Jens Meyer/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Caso dieselgate: la parola fine a una causa durata 5 anni. Volkswagen deve rimborsare gli acquirenti

PUBBLICITÀ

Cinque anni di battaglia legale conclusa nell'aula della Corte Suprema di Karlsruhe: Volkswagen pagherà un risarcimento ai clienti truffati dallo scandalo dei motori diesel truccati.
In realtà, i magistrati hanno deciso il caso di Herbert Gilbert, che nel 2014 aveva acquistato un diesel Volkswagen Sharan di seconda mano, uno degli 11 milioni di veicoli in cui il costruttore ha ammesso nel settembre 2015 di aver collocato un software che falsificava le emissioni inquinanti. 

Il pronunciamento apre la strada al risarcimento nei confronti di decine di migliaia di acquirenti.
**La somma rimborsabile è inferiore al prezzo di acquisto perché i giudici hanno tenuto conto della perdita di valore legata all'utilizzo della vettura. **

Volkswagen e il ricorrente avevano entrambi presentato ricorso, la prima perché riteneva che non vi fosse necessità di risarcimento, il secondo perché chiedeva la corresonsione dell'intero prezzo di acquisto.
La decisione della Corte dà regione ai clienti ma limiterà l'impatto finanziario per il gruppo automobilistico, che ha già pagato più di 30 miliardi di euro in seguito allo scandalo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Dieselgate: l'ex Ceo di Volkswagen accusato di frode

Nvidia è la società con il più alto valore di Borsa al mondo

Tesla: assemblea azionisti dà ok a maxi compenso di Elon Musk da 52 miliardi di euro