EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Salone di Ginevra: meno diesel, più auto "alla spina"

Salone di Ginevra: meno diesel, più auto "alla spina"
Diritti d'autore 
Di Jeremy Wilks
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Intanto Toyota fa sapere che smetterà da subito di vendere auto a gasolio in Europa

PUBBLICITÀ

"Il Salone dell'auto di Ginevra ha aperto le porte agli addetti ai lavori. 10mila giornalisti accreditati, circa 180 case automobilistiche, nuovi veicoli - molti dei quali elettrici o ibridi -. Ma c'è ancora una nube di gasolio che aleggia sull'intero settore e grandi notizie sono arrivate oggi dalla Toyota: smetterà di vendere auto diesel in Europa d'ora in poi", spiega il nostro inviato a Ginevra, Jeremy Wilks.

Qual è la giustificazione a questa scelta della casa automobilistica giapponese? Ce lo spiega Matthew Harrison, vicepresidente dell'area Sales & Marketing di Toyota: "Negli ultimi 12-18 mesi abbiamo assistituto a grosse pressioni sui diesel. Vediamo aumentare i costi di transazione sui diesel, mentre gli ibridi stanno andando nella direzione opposta. Quindi per noi il mercato degli ibridi è più redditizio rispetto a quello dei diesel in questo momento".

Prende pian piano lo stesso cammino anche Volkswagen, travolta nei mesi scorsi dal dieselgate. La casa di Wolfsburg va verso una mobilità sempre più sostenibile, anche se ciò, per l'amministratore delegato Matthias Mueller, non significa un addio definitivo al gasolio: "Sono fermamente convinto che il diesel rinascerà. E nei prossimi 10/15 anni assisteremo a una coesistenza tra motori elettrici e a combustione".

Quello di quest'anno è un Salone dell'auto, quindi, che cerca di allontanare scandali e inquinamento, abbracciando sempre più le cosiddette auto alla spina.

Journalist • Cinzia Rizzi

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lamborghini: una Supercar al Salone di Ginevra

Auto elettriche, litio inquinante e costoso: dal manganese allo zinco, ecco le alternative

Elezioni europee: le sfide per le banche europee