A Marsiglia la guerra alla droga può essere vinta?

A Marsiglia la guerra alla droga può essere vinta?
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Hans von der BrelieEva Kandoul
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La guerra tra bande che si contendono il mercato della droga è diventata sempre più sanguinosa. Nel 2023 le vittime sono state 49. La situazione è fuori controllo? Euronews Witness è stata nelle principali zone di spaccio della città francese

PUBBLICITÀ

"È stata una notte di orrore", ricorda Laetitia Linon, fissando la tomba di suo nipote nel cimitero più grande di Marsiglia. Il quattordicenne è stato ucciso fuori da un complesso residenziale nella periferia nord, la zona più povera della città. Gli hanno sparato 5 volte con un kalashnikov: il giovane è l'ennesima vittima della guerra della droga in corso in città. "Un piccolo marsigliese può morire sotto le pallottole come in Messico, il paese dei cartelli. Ma qui siamo in Francia", sottolinea Linon.

Alcuni genitori ricorrono a mezzi insoliti per proteggere i propri figli. "Denunciano i propri figli per tenerli al sicuro dalle reti della droga", ci dice Amine Kessaci, che studia diritto all'università. "Abbiamo perso la guerra della droga", aggiunge. Il traffico di droga ha ucciso suo fratello maggiore. Il suo corpo fu trovato bruciato in un'auto nel dicembre 2020. Da allora, il numero di morti legati al traffico di droga è esploso.

Nel 2023 49 persone sono morte a causa del traffico di droga, un numero record. Alla base dell'escalation di violenza c'è una guerra territoriale. Due dei più grandi cartelli della droga - DZ Mafia e Yoda - stanno combattendo per il controllo del mercato della droga.

Un business miliardario

In Francia il traffico di droga genera circa 3 miliardi di euro all'anno. Alcuni punti di spaccio di Marsiglia fruttano tra i 25 e i 90.000 euro al giorno. "Il denaro che scorre, corrompe e uccide", dice il procuratore della città Nicolas Bessone. A Les Maronniers, uno dei punti di spaccio più attivi di Marsiglia, i prezzi delle dosi di hashish, cocaina e cannabis sono scritti sui muri "proprio come nel menu di un ristorante", spiega Mohamed Benmeddour, un residente della zona e operatore sociale.

Per combattere le radici del male, il pubblico ministero recentemente nominato mira a rintracciare i capi delle reti del traffico, compresi quelli all'estero. "È sbagliato dire che lo Stato non conosca le dimensioni del fenomeno", dice Bessone. Il ministro della Giustizia sta anche creando posti di lavoro per magistrati di collegamento a Dubai "perché è lì che i signori della droga sono andati". Un lavoro che sta dando i suoi frutti.

Nel 2023 le autorità francesi hanno sequestrato 7 tonnellate di cannabis, 21 milioni di euro di beni criminali e 107 fucili d'assalto nella regione di Marsiglia. Ogni giorno nella seconda città della Francia vengono smantellati da 5 a 10 punti di spaccio. Ma molti hanno perso fiducia nello Stato.

Per ricostruire la fiducia tra la polizia e la popolazione, un'associazione fondata da Bruno Pomart, un ex membro di un'unità d'élite della polizia, organizza attività sportive nei quartieri più difficili. "Raggiungere le famiglie e i giovani è la parte più importante del nostro lavoro - dice Pomart -. È un modo per recuperare queste aree e dimostrare che non sono state abbandonate".

Le famiglie dei quartieri settentrionali sottolineano anche la necessità di affrontare le radici sociali dello spaccio di droga attraverso l'occupazione. Lo sviluppo dell'imprenditorialità attraverso l'aumento degli investimenti delle pmi locali fa parte della soluzione a lungo termine, così come il reinserimento dei giovani che hanno abbandonato la scuola.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europee, i conservatori francesi fanno campagna elettorale sull'immigrazione al confine italiano

Francia e Regno Unito festeggiano 120 anni di cooperazione: simbolici cambi della guardia congiunti

La polizia sgombera decine di migranti senzatetto da Parigi, ong: "Pulizia sociale per le Olimpiadi"