EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Droga e violenze record in Costa Rica, l'aiuto dell'Ue per fermare i narcos

Polizia del Costa Rica
Polizia del Costa Rica Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Costa Rica sta affrontando un'emergenza senza precedenti. Non è mai circolata così tanta droga nelle strade e la violenza legata alle bande di narcotrafficanti è alle stelle, con un tasso di omicidi record. Il Paese ha chiesto aiuto all'Ue per migliorare le misure di sicurezza

PUBBLICITÀ

Il traffico di droga è diventato un problema da affrontare urgentemente in Costa Rica. Il paradiso tropicale, meta di numerosi turisti, è sull'orlo del collasso a causa dell'escalation di violenza legata alle attività dei narcotrafficanti.

A San José il tasso di omicidi è cresciuto del 40 per cento

Il tasso di omicidi è cresciuto in pochi mesi del 40 per cento. La cocaina e il fentanyl hanno invaso le periferie della capitale, San José, dove si sospetta si stiano nascondendo i leader delle bande criminali. 

Si tratta di un'emergenza tale che il governo ha chiesto aiuto all'Unione europea per combattere i narcos. Schierare il 10 per cento in più di agenti di polizia nelle strade non sembra essere una soluzione sufficiente a garantire la sicurezza degli abitanti, molti dei quali vedono la decisione come una risposta tardiva alla crisi e che non porterà a grandi risultati. 

L'Unione europea può aiutare il Costa Rica nella lotta al narcotraffico

Il Paese non dispone di risorse sufficienti a combattere con efficacia la violenza delle bande, avendo eliminato l'esercito nel 1949 e dismesso l'arsenale, venduto per veicolare gli investimenti sullo sviluppo umano. È infatti tra i Paesi del Sud America più stabili, senza colpi di stato negli ultimi decenni, con un tasso di alfabetizzazione tra i più alti nella regione e un ottimo servizio sanitario pubblico.

L'Ue potrebbe ora aiutare il Costa Rica a implementare le misure di sicurezza e le autorità del Paese a vigilare sui porti, principale sede dello smercio di sostanze stupefacenti. 

La storia completa nel video in testa all'articolo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sequestro di droga record in Martinica, requisite oltre otto tonnellate di cocaina

Ecuador, accuse di terrorismo alle gang dopo l'evasione di due boss della droga

Spagna, smantellata rete di prostituzione a Malaga: sfruttate 500 donne originarie del Sudamerica