Marsiglia, campagna contro AirBnb: spuntano manifesti con foto, nomi e indirizzo degli affittuari

Image
Image Diritti d'autore Daniel Cole/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'iniziativa ha contrariato molti e spaventato i proprietari di immobili nel quartiere centrale di Notre-Dame du Mont

PUBBLICITÀ

Gli abitanti di Marsiglia si ribellano ad AirBnb. I residenti del quartiere centrale di Notre-Dame du Mont, dove da tempo proliferano incontrollate proprietà in affitto breve, hanno lanciato una controversa campagna contro gli affittuari stagionali, affiggendo manifesti che denunciano direttamente i proprietari, esponendo nomi, foto e indirizzo. L'iniziativa non ha trovato tutti d'accordo e molti affittuari si sono spaventati. 

Un'altra iniziativa anti-AirBnb è la distruzione delle scatole con lucchetto contenenti le chiavi degli alloggi in affitto. Un proprietario di quattro appartamenti si è visto rubare la cassetta delle chiavi in mezzo alla strada. "Penso che sia molto vile mettere la foto di un proprietario [...] quando queste persone fanno tutto con il volto nascosto", sostiene. 

Da tempo nella città francese si possono incontrare scritte, volantini e slogan di protesta contro AirBnb nei diversi quartieri del centro, che più di tutti subiscono la pressione turistica. Ma a causa dell'avvicinarsi delle Olimpiadi, di cui Marsiglia ospiterà diversi eventi, stanno persino aumentando i proprietari di immobili che scelgono di convertirsi all'affitto breve, allettati dalle possibilità di profitto. E il fenomeno ha sempre maggiore impatto sulla crisi degli alloggi, che nella città francese, come in tanti altri centri europei, è già molto problematica.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Fan di Shrek gioite! La palude del vostro orco preferito è stata inserita su Airbnb

New York, giro di vite a Airbnb: troppi affitti a breve termine, pochi alloggi

Italia, Malesia, Stati Uniti, i paesi che hanno posto un freno ad Airbnb