Cinque cose da sapere sul nuovo presidente finlandese Alex Stubb

Alexander Stubb parla durante un'intervista con The Associated Press durante le elezioni presidenziali a Espoo, Finlandia, domenica 28 gennaio 2024.
Alexander Stubb parla durante un'intervista con The Associated Press durante le elezioni presidenziali a Espoo, Finlandia, domenica 28 gennaio 2024. Diritti d'autore Sergei Grits/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di David Mac Dougall
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Ecco cinque cose da sapere sul nuovo presidente della nazione nordica.

PUBBLICITÀ

La Finlandia ha un nuovo presidente. Alexander Stubb, del partito di destra Coalizione Nazionale (noto localmente come Kokoomus), ha battuto il politico verde di sinistra Pekka Haavisto nel ballottaggio di domenica.

Ecco cinque cose che sappiamo sul nuovo presidente della nazione nordica:

1. Alex Stubb appartiene all'ala liberale del suo partito: è europeista, favorevole al matrimonio gay e dichiaratamente internazionalista. In passato è stato leader del partito, primo ministro e ministro degli Esteri, oltre ad essere stato europarlamentare a Bruxelles. Parla correntemente finlandese, svedese, inglese, francese e tedesco. Appassionato di sport, Stubb ha frequentato l'università in America grazie a una borsa di studio per il golf. Sicuramente non mancheranno le foto del nuovo presidente finlandese in tenuta sportiva di lycra che gareggia in competizioni di Iron Man o che scia, anche se potrebbe avere meno tempo per queste attività dopo il suo insediamento nel palazzo presidenziale di Helsinki.

2. Stubb dice di voler essere un presidente in grado di unificare il Paese. Non è cosa da poco, soprattutto se il suo partito Kokoomus sceglierà di guidare il governo di coalizione con i finlandesi di estrema destra. Durante la campagna elettorale per le presidenziali si sono schierati a suo favore celebrità controverse accusate di omofobia e politici con condanne per reati legati al razzismo. Un recente studio finlandese ha rivelato che il 40% dei sostenitori di Stubb non voterebbe per il suo rivale Haavisto perché è un uomo gay. Secondo un altro sondaggio, il 30% degli elettori finlandesi ha dichiarato di tenere in considerazione anche la sessualità di un candidato al momento di votare.

Former Prime Minister of Finland, Alexander Stubb of The National Coalition Party, during his press conference in Helsinki, Wednesday, Aug. 16, 2023.
Former Prime Minister of Finland, Alexander Stubb of The National Coalition Party, during his press conference in Helsinki, Wednesday, Aug. 16, 2023.Jussi Nukari/Lehtikuva

3. Alex Stubb non è mai stato timido nell'usare i social media ed è noto per il suo amore per i selfie con i suoi sostenitori, soprattutto quelli delle celebrità. "Per me i social media sono sempre stati un canale di comunicazione spontaneo", ha scritto Stubb su X, ex Twitter, nell'ottobre 2021. "Gestisco il mio account personale. Mi rendo conto dei rischi. Mi sono scottato molte volte". Il politico dice di essere convinto che sia meglio usare i social media per comunicare, nonostante i rischi, piuttosto che non comunicare affatto.

Un tweet del 2018 di Stubb con il suo "vecchio amico e collega" Sergei Lavrov potrebbe tornare a fare molto discutere. Stubb si è anche scusato per aver detto che le persone che volevano bloccare gli investimenti russi in una centrale nucleare finlandese erano "russofobe".

4. Stubb dovrà rimanere umile. Una delle critiche che gli sono state mosse in passato è quella di avere un atteggiamento arrogante e autoritario. Questo atteggiamento è stato in parte ridimensionato durante la campagna elettorale, in cui ha lavorato duramente per apparire misurato, ma ora il presidente neoeletto deve mantenere lo stesso comportamento per almeno sei anni di mandato...

5. Stubb succede al Presidente Sauli Niinistö, che negli ultimi due mandati (12 anni) ha goduto di indici di gradimento altissimi da parte dell'opinione pubblica finlandese. Non c'è dubbio che Stubb sia stato attratto nella corsa all'incarico presidenziale dal fatto che, a causa del contesto geopolitico teso, la Finlandia gode di rinnovata attenzione da parte degli alleati occidentali. Una battuta che circola tra gli addetti stampa di Helsinki recita che il posto più pericoloso in Finlandia è quello tra Alex Stubb e una telecamera, riferendosi alla sete di attenzione del neoeletto presidente. Il suo incarico, però, comprende anche molti obblighi presidenziali assolutamente banali che Stubb dovrà assolvere lontano dai riflettori. Il presidente deve dimostrare di essere altrettanto interessato a prendere un caffè pomeridiano con i pensionati, o a visitare una fabbrica e un presidio militare, quanto a salire sul palcoscenico mondiale sfoggiando il suo caratteristico sorriso smagliante alle telecamere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Viaggio lungo la frontiera chiusa tra Finlandia e Russia

La Finlandia prolunga la chiusura delle frontiere con la Russia fino ad aprile: accuse a Mosca

Finlandia, Alexander Stubb vince le elezioni: è il primo presidente in era Nato