EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Guerra a Gaza: scontri a Vicenza per un padiglione di Israele in fiera

Scontri a Vicenza
Scontri a Vicenza Diritti d'autore LaPresse/LaPresse
Diritti d'autore LaPresse/LaPresse
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Scontri tra polizia e centri sociali all'ingresso della fiera dell'oro di Vicenza per la presenza di un padiglione di Israele. Almeno nove agenti feriti. Dura condanna del sindaco Possamai

PUBBLICITÀ

Mattinata di scontri sabato, 20 gennaio, a Vicenza tra un gruppo di manifestanti dei centri sociali e le forze dell'ordine davanti all'ingresso della fiera dell'oro, per protestare contro la presenza di alcuni espositori israeliani. I dimostranti hanno tentato di cambiare il percorso del corteo prestabilito per raggiungere il centro fieristico della città veneta. Alcuni reggevano cartelli con le scritte "Stop global war" e "Free palestine". La polizia li ha bloccati caricandoli e lanciando contro di loro idranti e fumogeni, i manifestanti hanno risposto lanciandosi contro di loro. 

Almeno nove agenti feriti a Vicenza

Secondo il sindacato di polizia, nove agenti sarebbero rimasti feriti. I manifestanti avrebbero lanciato fuochi d'artificio e usato anche materiale ferroso. Cinque persone appartenenti ai centri sociali sono state denunciate. Al corteo che è sfociato nella guerriglia hanno partecipato settemila persone.

Il sindaco Possamai: "In piazza con i bastoni è contro i padri costituenti"

"Non esiste giustificazione alcuna per le scene di guerriglia che abbiamo visto questa mattina in strada dell'Arsenale", ha scritto sui social il sindaco di Vicenza, Giacomo Possamai, commentando gli incidenti avvenuti davanti alla fiera. "Il diritto di manifestare è sacro e tutelato dalla Costituzione, ma chi scende in piazza con i bastoni e il viso coperto va contro l'eredità dei padri costituenti che hanno voluto scrivere quell'articolo dopo gli anni più bui della storia del nostro Paese e non fa torto solamente a quelle righe della nostra Carta, ma fa anche male alla causa che dice di sostenere: è una contraddizione in termini chiedere la pace e il cessate il fuoco manifestando con la violenza. Ottenendo tra l'altro l'effetto di allontanare ancora di più l'attenzione dal merito su quanto sta accadendo in Israele e in Palestina", ha scritto Possamai. "Voglio esprimere tutta la mia vicinanza e quella della città agli agenti della Polizia di Stato rimasti feriti e contusi negli scontri di questa mattina esprimere il mio ringraziamento alla Prefettura, alla Questura e alle forze dell'ordine per il lavoro di queste ore", conclude la nota del primo cittadino. 

Non esiste giustificazione alcuna per le scene di guerriglia che abbiamo visto questa mattina in strada dell'Arsenale....

Posted by Giacomo Possamai on Saturday, January 20, 2024
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Netanyahu rifiuta la soluzione a due Stati, Guterres chiede il cessate il fuoco immediato

Gaza, accuse a Israele per gli attacchi agli ospedali nella Striscia

L'Etna torna a eruttare: allerta arancione, problemi ai voli a causa della cenere