'Una targa nel luogo dove morì Gramsci', appello degli studiosi

'Si è spento nella clinica Quisisana di Roma, nulla lo ricorda'
'Si è spento nella clinica Quisisana di Roma, nulla lo ricorda'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Ricordare in maniera visibile il luogo della morte di Antonio Gramsci: è l'appello di alcun studiosi che chiedono che sia apposta una targa nella clinica Quisisana di Roma dove l'intellettuale, tra i fondatori del Pci e strenuo antifascista, morì il 27 aprile del 1937. In quel luogo Gramsci, detenuto dal regime, trascorse gli ultimi due anni circa della sua vita perché afflitto da una grave malattia. La proprietà della Quisisana, diventata negli anni Ottanta una struttura sanitaria privata, secondo i promotori dell'iniziativa ha fin qui negato ogni possibilità. "La nostra richiesta - si legge nell'appello - farebbe onore alla clinica, vista peraltro la gloria postuma di cui gode Gramsci a livello mondiale, e che contribuisce a fare dell'Italia un centro di prima grandezza del pensiero politico moderno. Anche per questo va combattuta la tendenza a emarginare quando non a cancellare le culture e le origini antifasciste della Repubblica. Facciamo dunque appello alle istituzioni competenti e alle persone "non indifferenti" di sottolineare con il loro intervento, o con la loro firma, la protesta contro la scelta della clinica di negare un ricordo degli ultimi dolorosi giorni di Antonio Gramsci". L'appello, pubblicato anche sul sito del quotidiano Il Manifesto all'indirizzo https://ilmanifesto.it/una-targa-per-ricordare-dove-mori-gramsci , ha finora registrato circa 1.300 adesioni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Israele accetta la proposta per il cessate il fuoco, "ora spetta ad Hamas"

Mar Rosso: affonda la Rubymar attaccata dagli Houthi

Roma, il cancelliere tedesco Scholz a colloquio privato con Papa Francesco