Lo zoo di Edimburgo restituisce i suoi panda alla Cina. Stessa sorte per altri 15 nel mondo

Il panda gigante Yang Guang mangia allo zoo di Edimburg, mentre i visitatori hanno un'ultima opportunità di salutarlo prima del trasferimento in Cina (30 novembre 2023)
Il panda gigante Yang Guang mangia allo zoo di Edimburg, mentre i visitatori hanno un'ultima opportunità di salutarlo prima del trasferimento in Cina (30 novembre 2023) Diritti d'autore Jane Barlow/PA
Di Gabriele Barbati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Lo zoo della capitale scozzese ha dovuto restituire alla Cina la coppia di panda giganti che ospitava dal 2011. Tian Tian e Yang Guang sono stati trasportati con un volo speciale lunedì a Chengdu. Stessa sorte per altri panda nel 2023, per cui Pechino non ha rinnovato i prestiti

PUBBLICITÀ

Il viaggio da Edimburgo a Chengdu di Yang Guang e Tian Tian non è stato solo il ritorno a casa di due panda giganti, dopo dodici anni in Scozia, ma anche la fine di una lunga storia diplomatica tra la Cina e l'Occidente.

I due panda erano gli unici presenti nel Regno Unito e non hanno avuto cuccioli. Lunedì sono stati messi in due casse speciali (di 190 centimetri di lunghezza per 146 di altezza, costruite allo zoo di Edimburgo) e caricati su un aereo senza la gran parte dei sedili, lasciando la gente orfana di un'attrazione popolarissima

Le "pandacam" dello zoo di Edimburgo ha mostrato i due animali on line a milioni di fan prima del ritorno della coppia in Cina lunedì 4 dicembre

Le casse utilizzate per trasportare i due animali avevano degli schermi rimovibili per controllarne la salute e l'umore. Due esperti scozzesi hanno accompagnato i panda durante il volo, durato circa dodici ore, nutrendoli con bambù fresco.

Il pubblico allo zoo di Edimburgo era molto affezionato ai panda, al punto da osservarli anche nello streaming online predisposto dallo zoo con telecamere dedicate. Molti hanno affidato ai social media la propria delusione per la partenze di Yang Guang ("Tesoro") e Tian Tian ("Dolcezza").

Buon viaggio panda. Ci mancherete

Negli anni il sogno di avere dei cuccioli si è infranto almeno otto volte, riporta il quotidiano di Hong Kong South China Morning Post. Il programma di inseminazione artificiale è stato interrotto definitivamente nel 2021, dopo che Yang Guang è stato castrato in seguito a un trattamento per un cancro ai testicoli.

La fine della diplomazia dei panda?

Il governo di Pechino aveva prestato la coppia di animali al Regno Unito nel 2011 per dieci anni, poi per altri due, salvo non rinnovare l'accordo forse a causa delle tensioni internazionali.

Il Regno Unito ha una lunga storia d'amore con i panda. Chi Chi arrivato dalla Cina nel 1958 fu di ispirazione per il logo di lì a pochi anni del nascente World wildlife fund (Wwf). 

Vent'anni prima, durante la guerra sino-giapponese, erano stati portati allo zoo di Londra tre panda giganti, che divennero talmente popolari da essere visitati dall'allora principessa Elisabetta.

Degli altri giunti in seguito, restano nella memoria dei britannici Chia Chia e Ching Ching, che arrivarono nel 1974 all'interno di negoziati condotti dall'allora primo ministro britannico Edward Heath con il presidente cinese Mao Zedong.

Il presidente Mao Zedong stringe la mano all'allora segretario di Stato americano Henry Kissinger a Pechino, il 12 novembre 1973
Il presidente Mao Zedong stringe la mano all'allora segretario di Stato americano Henry Kissinger a Pechino, il 12 novembre 1973AP/AP1973

Era parte di una curiosa "diplomazia dei panda" finalizzata al riconoscimento internazionale della Repubblica Popolare Cinese, fondata nel 1949,  che portò Mao a donare ventitré panda a nove paesi tra il 1958 e il 1982.

Una politica che sembra volgere al termine, a causa dello stato delle relazioni con il resto del mondo. Quest'anno a cominciare daXiang Xiang il 21 febbraio dal Giappone, sono rientrati in Cina quindici panda giganti da Stati Uniti, Francia, Paesi Bassi, Malesia e Regno Unito, secondo il quotidiano statale cinese Global Times.

Gli Stati Uniti hanno dovuto restituire a novembre i tre panda giganti di Washington, delle autentiche star per i bambini dato anche l'ingresso gratuito allo zoo cittadino. Stessa sorte per i panda di Memphis, mentre i quattro panda ospitati ad Atlanta partiranno nel 2024

Un successo per gli ambientalisti

Non tutti sono stati rattristati dalla partenza dei panda scozzesi. 

"Ora li possiamo immaginare nelle foreste della Cina, dove devono stare, e non in uno zoo di Edimburgo" ha dichiarato  Bob Elliot, dell'associazione animalista One Kind, all'emittente britannica BBC.

I panda sono una specie in via d'estinzione a causa del particolare habitat naturale di cui hanno bisogno e per le loro capacità riproduttive. Secondo l'organizzazione Panda international, una femmina di panda ha un unico ciclo mestruale in primavera, durante il quale è fertile solo per 24-36 ore.

Yang Guang e Tian Tian sono ora in una grande riserva dedicata ai panda nei pressi di Chengdu nella provincia cinese del Sichuan.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Negli zoo di Londra e Praga nascono due cuccioli di gorilla: la loro specie è a rischio estinzione

Dallo zoo di Berlino due gemelli Panda

A Vienna la nuova star è un panda-pittore