Sud Corea, tribunale intima al Giappone di risarcire donne vittime di schiavitù sessuale in guerra

Professor Park Yu-ha answers reporters' questions outside the Supreme Court of Korea in Seoul, South Korea.
Professor Park Yu-ha answers reporters' questions outside the Supreme Court of Korea in Seoul, South Korea. Diritti d'autore AP/AP
Di Euronews Digital
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Alta Corte di Seul ha disposto il pagamento di circa 141.000 euro a ciascuna delle 16 ricorrenti

PUBBLICITÀ

Un tribunale sudcoreano ha ordinato al Giappone di risarcire 16 donne vittime di schiavitù sessuale durante la Seconda Guerra Mondiale, ribaltando la sentenza di un tribunale di grado inferiore che aveva respinto la loro richiesta due anni prima.

Nel 2021, questa causa civile era stata intentata in Corea del Sud contro Tokyo da quelle che erano note come "donne di conforto", persone schiavizzate nei bordelli dell'esercito imperiale durante il conflitto mondiale.

Un giudice del distretto centrale di Seul aveva fatto riferimento all’immunità sovrana di Tokyo per respingere le richieste delle donne, sostenendo che accettare le affermazioni delle vittime poteva causare un incidente diplomatico.

L'Alta Corte di Seul ha ora stabilito che "è ragionevole affermare che l'immunità sovrana non dovrebbe essere rispettata in caso di condotta illegale".

Ha disposto il pagamento di 200 milioni di won (circa 141.000 euro) a ciascuna delle ricorrenti, affermando che le vittime erano state "rapite con la forza o costrette alla schiavitù sessuale" e stabilendo che di conseguenza avevano subito "danni e non erano in grado di condurre una vita normale dopo la guerra".

Lee Young-soo, una delle 16 querelanti, ora 95enne, ha alzato le braccia al cielo con gioia mentre lasciava la Corte.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Onu: entro il 2030 basta con la schiavitù moderna

E' la giornata internazionale per l'abolizione della schiavitù

Corea del Sud: risarcimenti a vittime del lavoro forzato giapponese