Da Nova Gorica e Gorizia un appello alla pace in Medioriente

I sindaci delle due città di confine chiedono rilascio ostaggi
I sindaci delle due città di confine chiedono rilascio ostaggi
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GORIZIA, 06 NOV - Da Nova Gorica (Slovenia) e Gorizia, che nel 2025 saranno capitale europea della cultura, parte un accorato appello alla pace in Israele e Palestina: i sindaci, Samo Turel e Rodolfo Ziberna, hanno sottoscritto oggi nella simbolica piazza della Transalpina - dove corre il confine tra Italia e Slovenia - un documento congiunto per chiedere il rilascio degli ostaggi, la cessazione delle azioni di guerra su entrambi i fronti e il riconoscimento per tutti del diritto di vivere in Israele e Palestina al di là della provenienza. "Da Go!2025 parte un messaggio molto forte: come su questo confine siamo riusciti a ricucire due comunità che si voltavano le spalle dopo dolore e sofferenze, ci appelliamo perché in Israele e Palestina si riesca a concretizzare il dialogo, la conoscenza e il rispetto", ha spiegato Ziberna. Un concetto ribadito anche da Turel: "Siamo l'esempio di come si può convivere, restando sempre consapevoli della propria storia e portando avanti progetti comuni nella pace e nella collaborazione". La lettera è destinata a tutti i rappresentanti di enti e istituzioni che, a vario titolo, possono contribuire ad aiutare Israele e Palestina, partendo dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dalla premier, Giorgia Meloni, dai vertici di Parlamento europeo, Commissione europea e Onu. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania: manifestazioni pro Ucraina a due anni dall'invasione russa

I green di Casablanca: un paradiso del golf dal tocco culturale

In Russia screditare l'esercito non si può, due anni e mezzo di carcere all'attivista Oleg Orlov