L'ex ministro Castelli, lascio la Lega per dare voce al Nord

Appello agli autonomisti, insieme possiamo farci sentire
Appello agli autonomisti, insieme possiamo farci sentire
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 21 SET - La politica della Lega Salvini premier "è sempre più centralista con venature meridionaliste. Il segretario e ministro dei Trasporti Salvini sembra abbia in mente solo il ponte sullo Stretto": l'ex ministro della Giustizia Roberto Castelli, presidente dell'associazione Autonomia e Libertà è partito da questo per spiegare la decisione di lasciare il Carroccio dopo oltre quarant'anni di militanza. "Questo partito non lo riconosco più negli ideali per cui è nata la Lega" mentre "noi vogliamo dare voce alla questione settentrionale". Da qui il suo appello "agli autonomisti che soffrono di frazionismo: se ci uniamo forse potremo far sentire la nostra voce, far sentire la voce del Nord". "Io non voglio più candidarmi" ha premesso in una conferenza stampa alla fondazione Stelline di Milano, ma "se l'associazione continua a crescere sarà inevitabile un impegno elettorale ad ogni livello". Della sua decisione, Castelli non ha parlato con il fondatore della Lega Nord Umberto Bossi, "ma credo che lo sappia. Mi hanno chiamato in tantissimi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, Hrw: Israele non sta rispettando la sentenza della Corte dell'Onu sugli aiuti umanitari

Le notizie del giorno | 27 febbraio - Mattino

Migranti: anniversario strage di Cutro, i parenti delle vittime denunceranno il governo italiano