Regeni, la Consulta decide sul processo agli 007 egiziani

Sentenza nei prossimi giorni, Flick '3 le strade possibili'
Sentenza nei prossimi giorni, Flick '3 le strade possibili'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 20 SET - La sorte del processo per l'omicidio di Giulio Regeni, che vede imputati quattro 007 egiziani per il rapimento, la tortura e l'uccisione del giovane ricercatore friulano nel 2016 al Cairo, è da oggi nelle mani della Corte costituzionale. I giudici riuniti in camera di consiglio hanno cominciato l'esame della questione sollevata dal tribunale sulla costituzionalità dell'articolo 420 bis del codice di procedura penale, nella nuova formulazione frutto della riforma Cartabia. Articolo che per il gup Roberto Ranazzi e per i pm della capitale, è illegittimo nella misura in cui non consente il processo in contumacia quando è provato che l'assenza degli imputati sia dovuta alla mancata assistenza giudiziaria o al rifiuto di cooperazione da parte dello Stato di appartenenza o di residenza. Le autorità egiziane, a partire dalla procura generale del Cairo, non hanno mai veramente collaborato con i magistrati italiani ma hanno fatto muro alle loro richieste, rifiutandosi di dare gli indirizzi degli imputati, necessari per poter procedere alla notifica degli atti processuali, anche quando i recapiti sono stati chiesti per via diplomatica. Comportamento è la causa dello stallo del processo, che ora si potrebbe celebrare solo se la Consulta accogliesse l'eccezione dei magistrati romani, modificando con il suo intervento la norma con cui l'Italia ha inteso adeguarsi alla giurisprudenza della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e della Cassazione. Terminata nel primo pomeriggio, la camera di consiglio dei giudici costituzionali è stata aggiornata ai prossimi giorni per la decisione. Tre le strade possibili, come spiega il presidente emerito della Corte Giovanni Maria Flick: "La Corte può ritenere fondata l'eccezione e accoglierla in base a una valutazione degli alti principi costituzionali che gestiscono la figura del giusto processo oppure ha la possibilità di ritenerla infondata o manifestamente infondata e motiverà le ragioni per cui lo ha fatto sia nell'uno sia nell'altro caso. Oppure, ancora, può dichiarare l'eccezione inammissibile nella misura in cui non ritenga che possa essere suo compito eliminare situazioni che richiedono un intervento legislativo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Zelensky, il 2024 sarà l'anno della svolta

Le notizie del giorno | 26 febbraio - Mattino

Gaza, "intesa" sui punti principali per un cessate il fuoco, ma Netanayahu non arretra su Rafah