Al via il processo per omicidio Fabozzi a Malnate, 43 testi

L'imputato Sergio Domenichini in aula rigetta ogni accusa
L'imputato Sergio Domenichini in aula rigetta ogni accusa
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MALNATE, 20 SET - Si è aperto oggi a Varese, ed è stato aggiornato al prossimo 4 ottobre, il processo a carico di Sergio Domenichini, 67 anni, un passato con numerosi precedenti per truffa, accusato dell'omicidio di Carmela Fabozzi, 73 anni, uccisa il 22 luglio 2022 nella sua abitazione di via San Vito a Malnate. La donna, vedova, aprì al proprio assassino che per gli inquirenti conosceva essendosi incontrati in un'associazione di volontariato. L'anziana fu massacrata con nove colpi alla testa inferti con un pesante vaso trovato in casa dai carabinieri di Varese. L'assassino fece sparire entrambi i cellulari della donna. Ma i vicini descrissero l'uomo che era andato a bussare alla sua porta quando era già morta. Per l'accusa Domenichini uccise la pensionata qualche ora prima ripresentandosi due ore dopo e facendosi notare dai vicini per crearsi un alibi. Davanti alla Corte d'Assise presieduta da Cesare Tacconi saranno 43 le persone che compariranno in aula durante il dibattimento. Domenichini fu arrestato due settimane dopo il delitto di ritorno da una vacanza a Rimini (era partito subito dopo il delitto) che lo vide lasciare l'albergo senza pagare il conto. L'accusa ha messo sul piatto diversi elementi a suo carico: dall'incrocio dei cellulari transitati in zona, i numeri rilevati dall'analisi delle celle, alle scarpe vagliate dal Ris di Parma. Il movente sarebbe quello della rapina. Domenichini, secondo l'accusa, fuggì con un auto a noleggio dal luogo del delitto e vendette l'oro rubato alla vittima in un Compro Oro dopo aver gettato i due cellulari nel fiume Olona. Nn era sola: l'auto era guidata da un amico, Antonio Crisfafulli che lo avrebbe accompagnato al Compro Oro e a gettare i telefoni. Crisafulli, che ha negato ogni addebito, è stato condannato in primo grado a giugno, con rito abbreviato, a un anno e sei mesi per favoreggiamento. Oggi, l'avvocato Francesca Cerri, che difende Domenichini, ha spiegato che il proprio assistito (che non ha mai parlato davanti al Gip o al Pm) nega gni addebito ed è pronto a sottoporsi ad esame. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Morte di Navalny: il funerale l'1 marzo a Mosca

Francia, fa discutere il trasferimento di 195 migranti da Mayotte a un castello alle porte di Parigi

Texas, decine di incendi fuori controllo: bruciati 300mila acri, evacuata fabbrica di armi nucleari