EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Lampedusa, l'isola scoppia di migranti: le testimonianze dei volontari

Lampedusa, sbarcano altri migranti
Lampedusa, sbarcano altri migranti Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Giorgia Orlandi
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A Lampedusa con l’aumento degli arrivi giornalieri, sempre più frequenti, l’hotspot dell’isola gestito dalla Croce Rossa è spesso sovraffollato

PUBBLICITÀ

Dopo una breve pausa durata qualche giorno, nella giornata di giovedì a Lampedusa sono ripresi gli sbarchi. 

Oltre 500 i migranti arrivati nel corso dell’intera giornata. 

Con l’aumento degli arrivi giornalieri sempre più frequenti anche l’hotspot dell’isola gestito dalla Croce Rossa è spesso sovraffollato.

L'impegno della Croce Rossa a Lampedusa

"Non abbiamo mai avuto problemi quando si tratta di gestire grandi numeri di arrivi - spiega Francesca Basile, responsabile dell'Unità Migrazione - Siamo sempre stati in grado di trasferire le persone in altre località. I trasferimenti avvengono quotidianamente e ci permettono di creare un buon equilibrio tra arrivi e partenze. Nel centro lavorano circa 120 persone in totale, tra dipendenti e volontari. Sono specializzati in diversi settori e sono completamente formate in tutti gli aspetti del loro lavoro".

Una volta lasciata Lampedusa le persone soccorse vengono redistribuire su tutto il territorio nazionale.

Sono oltre 12.000 I minori non accompagnati, che sono arrivati in Italia dall’inizio dell’anno. Tra di loro ci sono molti migranti subsahariani in fuga dalla Tunisia.

VINCENZO PINTO/AFP or licensors
Migranti a LampedusaVINCENZO PINTO/AFP or licensors

Maltrattamenti e abusi: il racconto dei migranti

Emma Conti di Mediterranean Hope FCEI dice che "I migranti subsahariani raccontano degli abusi che hanno subito durante il periodo di permanenza in Tunisia prima di attraversare il Mediterraneo. Ci raccontano anche di essere stati maltrattati poco prima di lasciare il Paese. Molti di loro - aggiunge - ci hanno raccontato di essere stati portati nella zona desertica vicino al confine con la Libia e di essere stati lasciati lì senza acqua né cibo".

Quota 100.000 arrivi è già stata superata qualche giorno fa e con molta probabilità il 2023 verrà ricordato come uno degli anni con il maggior numero di sbarchi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lampedusa: non si arrestano i naufragi, dagli ultimi si contano 30 dispersi

Latina, indagato datore di lavoro per morte bracciante: aveva abbandonato Satnam con braccio mozzato

Italia: i migranti di Monfalcone accendono il dibattito in vista delle elezioni europee