Migranti, sì all'accordo tra Italia e Albania: esulta il governo Meloni, critiche le ong

Il premier albanese, Edi Rama, e Giorgia Meloni si stringono la mano dopo la firma di un memorandum sulla gestione dei migranti diretti in Italia (6 novembre 2023)
Il premier albanese, Edi Rama, e Giorgia Meloni si stringono la mano dopo la firma di un memorandum sulla gestione dei migranti diretti in Italia (6 novembre 2023) Diritti d'autore Roberto Monaldo/LaPresse
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Senato ha approvato la ratifica dell'accordo sull'accoglienza e la gestione dei migranti firmato a novembre da Italia e Albania. Il via libera è arrivato dopo il parere favorevole della Corte Costituzionale albanese

PUBBLICITÀ

L'accordo tra Italia e Albania sui migranti, che prevede l'apertura di due Centri di permanenza per i rimpatri (Cpr) in territorio albanese, è legge. Il Senato ha approvato giovedì in via definitiva (dopo il sì della Camera il mese scorso) il disegno di legge di ratifica con 93 voti favorevoli, 61 contrari e nessun astenuto.

 A fine gennaio, la Corte Costituzionale albanese ha sbloccato dopo una prima sospensione l'accordo firmato dalla premier, Giorgia Meloni, e dal collega albanese, Edi Rama, a novembre a Roma.

"La politica di redistribuzione dei migranti ha fallito in modo massiccio" ma l'Albania "si comporta come un Paese Ue e condivide le responsabilità", ha commentato Rama da Bruxelles. 

Cosa prevede l'accordo sui migranti tra Italia e Albania

In base all'intesa i due Cpr potranno accogliere contemporaneamente fino a tremila migranti salvati in mare dalle navi italiane (non quelle gestite dalle ong) che li porteranno in Albania per la prima accoglienza e la gestione delle pratiche di asilo. 

Per la maggioranza di centrodestra la cooperazione con l'Albania può diventare un modello di gestione dei flussi migratori anche per l'Unione europea. Sono state molte le polemiche però sull'accordo in Albania quanto in Italia. 

Si stima che il progetto sarà operativo dalla prossima primavera e i costi per la realizzazione dei due centri, al porto di Shengjin e nell’area di Gjader, saranno a carico dell’Italia. Le due strutture potranno accogliere fino a tremila persone contemporaneamente, per un massimo di 39mila in un anno. I costi delle operazioni saranno interamente a carico dell'Italia e anche la giurisdizione sarà di Roma. L'Italia si occuperà inoltre delle procedure di sbarco e identificazione, entro trenta giorni dall'arrivo in Albania il migrante sarà poi rimpatriato o portato in Italia.

Le critiche alla politica sui migranti del governo Meloni

"È un capitolo vergognoso. Le persone sbarcate in Albania e portate nei centri, compresi i richiedenti asilo, sarebbero automaticamente detenute, senza la possibilità di lasciare le strutture fino a 18 mesi", ha sottolineato in un comunicato Matteo De Bellis di Amnesty International.

"La politica di esternalizzazione delle frontiere ha già dimostrato di essere fallimentare, con oltre 22 mila morti nel Mediterraneo Centrale dal 2014 ad oggi, di cui oltre 2.400 solo nel 2023", ha commentato invece Emergency. 

"Senza contare il costo per la costruzione e la gestione dei due centri, una sorta di indennità da versare all'Albania, risorse che potrebbero essere usate per creare vie legali di accesso in Europa", si legge ancora nella nota dell'ong.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Roma-Tirana, via libera della Corte Costituzionale albanese all'accordo sui migranti

Albania, disordini in parlamento: i deputati dell'opposizione contro l'accordo sui migranti

Le preoccupazioni degli abitanti locali per l'accordo sull'immigrazione tra Italia e Albania